Calcio comune

Alla ricerca di qualcosa d'originale

Alla ricerca di qualcosa d’originale.

Prendendo spunto (scopiazzando…in fondo “prendere spunto” è un luogo comune del finto giornalista…) da una domanda fatta da Paolo Condò su twitter circa i luoghi comuni che animano il mondo del calcio ecco una rapida carrellata di quello che ne è venuto fuori…il calcio in 100 frasi…

L’operazione è riuscita perfettamente, tornerà più forte di prima.

Il derby è una partita che fa storia a sè.

Il derby lo vince sempre la squadra messa peggio.

Mancano tot finali.

Tutta colpa del terreno di gioco

Tutta colpa del terreno di gioco

Sì, ho fatto una tripletta, ma l’importante è che la squadra abbia vinto.

Il terreno di gioco c’ha penalizzati.

In Spagna bagnano sempre troppo il campo.

Messi sarà pure forte, ma con l’Argentina non ha vinto nulla.

In Spagna pure io sarei pichichi.

Il mister prende le scelte, io lavoro per farmi trovare pronto.

Dopo il gol (da subentrante, ndr) non ce l’avevo con la panchina.

Questa domanda la deve fare al mister.

Faccio scelte per il bene della squadra.

Se fischi questo rigore, ne fischi 10 a partita.

Una partita che vale 6 punti.

La tassazione spagnola.

Gli arbitri sbagliano perché sono essere umani.

Lo stile juve e il vento del nord.

Le immagini ci sono, giudicate voi.

È una bolgia.

Nel calcio girano troppi soldi.

Se avesse avuto la testa, avrebbe giocato in serie A.

Gli ultras sono la parte migliore del calcio.

I favori a fine campionato si pareggiano.

Zanetti in gazzetta prende sempre 6,5.

Ho sempre sognato di giocare con questa maglia, la tifavo sin da piccolo.

Tizio ha preso male la sostituzione? Mi sorprenderei del contrario.

Pensiamo ancora alla salvezza.

Ce l’ho messa tutta ma le gambe non giravano.

La partita è stata decisa da episodi.

Dei singoli non parlo.

La palla è rotonda.

Prima o poi bisogna incontrarle tutte.

Per fortuna che mercoledì c’è un’altra partita, possiamo riscattarci.

I ragazzi era stanchi dopo la partita di mercoledì? Ma era più una stanchezza mentale.

I campionati non si vincono a gennaio.

Appenderà le scarpette al chiodo.

Il ragazzo non è disponibile, ha l’influenza (ma tutti i venerdì?! Ndr)

Si vince e si perde in undici.

Non eravamo fenomeni prima, non siamo dei brocchi ora.

Lo scossone derivante dal cambio allenatore.

La squadra non ha più fame.

Non è titolare perché preferisco il suo impiego a partita in corso.

Rispetto per tutti, paura per nessuno.

Io non parlo mai degli arbitri, e lo sapete, ma stavolta…

Si gioca meglio in 10, che in 11.

Alla squadra X, hanno offerto tot soldi per giocare fino all’ultimo per l’ultima giornata.

Non ci sono mai partite facili. Non esistono squadre materasso.

Con lui abbiamo un progetto serio.

L’allenatore non è in discussione.

La squadra non lo seguiva più, sono stato costretto a esonerarlo.

Non potevamo mandare via tutti, abbiamo mandato via l’allenatore.

La società ringrazia l’allenatore X per il lavoro svolto.

Abbiamo giocato meglio.

Abbiamo fatto la nostra partita.

Se segno, esulto e faccio il giro del campo

Se segno, esulto e faccio il giro del campo.

Io la parola scudetto non la dico.

Il gol dell’ex.

Se segno non esulto.

Sono 2 punti persi o uno guadagnato?

Questo gol lo dedico alla mia famiglia e a chi ha sempre creduto in me.

Che ne pensi dell’acquisto di X, proprio nel tuo ruolo? Sicuramente ci aiuterà a vincere più partite.

Il ruolo non è importante, giocherei anche in porta per questa maglia.

Io ero in curva da bambino.

Top player.

Mister X.

L’accordo è praticamente fatto, mancano solo le firme.

Si vince con i campioni.

L’allenatore conta poco, quasi nulla.

Loro sono più avanti nella preparazione.

Solo noi possiamo fermare noi stessi.

Non guardo la classifica.

Da questa crisi se ne esce con il lavoro.

Un uomo vero dentro, ma soprattutto fuori dal campo.

Ti distrai un attimo e quello fa gol.

Nel calcio il doping non esiste.

È un campo difficile.

Lucarelli ha rifiutato il miliardo.

Io questo giocatore lo conoscevo quando faceva le giovanili.

Da piccolo ho giocato contro Del Piero.

Bisogna saper vincere, ma bisogna saper anche perdere.

La preparazione di Zeman.

Le radio romane.

A Roma il vero problema è l’ambiente.

Uno scudetto a Roma vale quanto 10 a Milano.

L’ho fatto per i tifosi.

I fischi dei tifosi? Non l’ho sentiti.

I tifosi hanno fatto bene a fischiarci.

I tifosi dovrebbero capire il momento di difficoltà della squadra.

Senza l’aiuto dei nostri tifosi non so se saremmo riusciti a vincere.

I nuovi arbitri di linea? Quattro occhi vedono meglio di due.

Gol sbagliato, gol subito.

Teniamo molto alla Coppa Italia.

Teniamo molto all’Europa League, per il ranking UEFA.

Il modello inglese.

Ha fatto un eurogol.

Ha colpito la palla troppo bene.

….in realtà ne bastano meno di 100.

azazelli

Da giovane registravo su VHS tutte le finali di atletica, mondiali ed olimpiadi, poi m'hanno cancellato il record di Donovan Bailey con Beautiful e mi sono dato al download. Vivo di sport, cerco di scriverne.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. piescic ha detto:

    Eh, hai dimenticato “ci è mancato solo il gol” 😀

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: