Pagelle MotoGP/Moto2/Moto3: Sotto la pioggia, sotto la pioggia, di Misano, di Misano

Quasi quasi mi stendo, e non mi rialzo più. Cavolate a parte, la pioggia ha rovinato i piani di molti piloti, costringendo a cadute inevitabili e a prestazioni sorprendenti. Nonostante l’assenza dell’idolo di casa, è stato bello vedere l’affetto da parte di molti team e tifosi nei confronti dell’infortunato Valentino Rossi, costretto con una gamba rotta a vedere la gara dalla sua casa di Tavullia. Da segnalare, prima di passare alle gare, la caduta spettacolare e, per fortuna, senza grosse conseguenze per Livio Loi, “inciampato” sulla moto di Rodrigo negli ultimi istanti della qualifica di sabato.

Romano Fenati 10 e lode: senza parole, era da tanto che non vedevo un dominio assoluto sul bagnato. Mai un errore, costantemente 2 secondi più veloci di tutti gli altri, la gara perfetta, bravo Romano!

Joan Mir 9: gara molto intelligente la sua. Fin dall’inizio gira a braccetto con Martin, appena cade il connazionale gestisce sapendo di non avere il passo per recuperare Fenati, rimanendo tranquillo in seconda posizione senza rischiare. Perde 5 punti in campionato ma gliene restano 61 di vantaggio sul marchigiano, il mondiale è praticamente in cassaforte.

Fabio Digiannantonio 9,5: commette un largo all’inizio che lo costringe a lottare con Canet e Oettl per tutta la gara. Grazie a errori altrui questi 3 si ritrovano a giocarsi l’ultimo gradino del podio, ne esce vincitore il pilota romano, bravo a controbattere ad ogni attacco dello spagnolo fino alla caduta di quest’ultimo. Anche per Fabio una bellissima prestazione che lo fa salire in 5° posizione nel mondiale.

Piacevoli sorprese: Finalmente Bulega fa vedere che sa correre bene anche in condizioni al limite, la classifica non fa sorridere l’italiano ma questo 5° posto è un buon punto di partenza per un finale (si spera) in crescendo. Molto bene anche il ceco Jakub Kornfeil, a punti per la seconda volta in campionato, colpa soprattutto di una Peugeot assolutamente non all’altezza delle altre moto. Bravo Kornfeil a capire di non rischiare troppo e di approfittare degli errori altrui.

In crescita: Oettl si conferma veloce anche sul bagnato, praticamente sempre a punti nel 2017, molto costante il tedesco. Ottima la prova anche di Pagliani, secondo piazzamento consecutivo a punti dopo Silverstone, difficile sperare in qualcosa di più guidando una Mahindra.

Delusioni: Non me la sento di mettere dei piloti nelle delusioni, specie dei giovani come quelli della moto 3 che hanno ancora molto da imparare e la condizione di ieri era molto difficile. Nomino invece la KTM perché proprio la pioggia tende ad appiattire le differenze e pensavo che la moto del costruttore austriaco avrebbe potuto lottare per posizioni importanti. Invece ennesimo podio tutto Honda. Per chi se lo fosse dimenticato, l’anno scorso KTM vinse sia il titolo piloti che quello costruttori, quest’anno sembra un Piaggio!

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: