Taggato: Cristiano Ronaldo

2

Il 2016 sportivo dalla A alla Z

Ed eccoci finalmente arrivati al momento più atteso dell’anno per i lettori di QCP, la mitica sintesi di tutto ciò che di sportivo è avvenuto nell’anno che sta per finire in un completissimo indice facilmente consultabile grazie al nostro metodo brevettato: l’ordine alfabetico. Solo sul nostro sito vi è infatti possibile ripercorrere gli eventi che più hanno emozionato, sorpreso, deluso nel 2016. Chiaramente, visto che l’alfabeto si riduce a 26 lettere, più che ripercorre un intero anno, cerchiamo di ripercorrerne il meglio e, probabilmente, nel 2017 cambieremo il titolo, in accordo col caporedattore che non siamo riusciti a contattare in questi...

Portogallo Campione d'Europa 10

Euro 2016: Francia – Portogallo

E’ la finale dell’Europeo di Francia 2016, e come tutti si aspettavano i padroni di casa sono in finale. L’avversario è il Portogallo di Cristiano Ronaldo, che ha fatto un brutto Europeo fino alla semifinale e dopo ha finalmente fatto vedere cosa può fare. Per chi tifare in questi casi: “È stato un anno sportivo di m***a. LeBron anello, Crosby Stanley Cup, Real Madrid Champions, noi fuori coi crucchi e il basket non va a Rio. Per questo vincerà la Francia, sono rassegnato.” “Solito arbitraggio pro francesi”, colpo a Ronaldo impunito. Ahia… Inizia il calvario di CR7…il dolore è troppo...

Euro 2016: Portogallo - Galles 6

Euro 2016: Portogallo – Galles

E’ tempo di semifinali, ma la chat fatica ancora a riprendersi dopo la partita di sabato… E’ Portogallo – Galles comunque: “Le maglie fan così schifo che son tentato di cambiare canale!” Ronaldo comincia come ha finito le altre partite, “con un tentativo di rovesciata che sembrava me al mare!” In una gara che si prospetta equilibrata saranno molto importanti i calci da fermo: “bello lo schema del Galles per liberare al tiro Bale…soprattutto l’uomo a centro area che ne butta a terra due per liberare spazio!” Si sparge la voce di una scommessa pazza: “Uno che ha scommesso su...

5

Euro 2016: Polonia – Portogallo

Iniziano i quarti e siamo già belli carichi in vista di sabato sera! Partiti e Lewandowski si sblocca! 1-0 Polonia! Cèdric con una difesa da torneo amatoriale… “Sono contento per i polacchi, sono anni che si merita un bel torneo”, “E soprattutto i cazzo di portoghesi stan lì senza aver vinto una partita” Ci ritorneremo poi… E poi arriva il tanto atteso Renatino…”Che goal!” “È quello che dicevano fosse stato pagato troppo?” Mi sa di no… Partita comunque tutto sommato divertente, con una Polonia che non ti aspetti: aggressiva! Lewa bello carico. Finalmente si è svegliato. Il Portogallo emoziona: “Questi...

8

Diario Europeo: Day 13 – CR7

Ieri abbiamo messo un articolo su Schwazer ed esce la notizia di una sua positività? Siamo degli influencer! Ma passiamo all’Europeo: Islanda e Ungheria in vantaggio! Quindi CR7 rischia di diventare il primo a segnare in 4 edizioni… Non consecutive? Tranquilli, CR7 risponde alla grande con un goal di quelli che fanno la storia. Solo che tra pali, rigori, goal annullati e autogoal sembra che al Portogallo non gliene giri bene una… Rigore sbagliato per l’Austria da Dragovic: “Ma Alaba? Cos’è la sagra di chi non fa battere i rigori ai più forti?” Tra Ungheria e Portogallo è comunque un...

6

Diario Europeo – Day 9: Palo!

Escono le formazioni titolari: fuori Nainggolan e Fellaini, dentro Dembele e Carrasco. Parte la disquisizione tecnico-tattica su Fellaini: ne esce quasi peggio di Thiago Motta. È una mezzala lenta, senza piedi, però sulle palle alte in area crea confusione: un diversivo. Le doti caratteriali di Hazard ne fanno un capitano provetto. Anche no. Al commento tecnico su Sky per Belgio-Irlanda c’è Giancarlo Marocchi, in pratica un commento tecnico per bambini dell’asilo, si vocifera la presenza di Uan a bordo campo, già preso a calci da Roy Keane. D’altronde è l’ultima partita alle ore 15…perché non dedicarla ai bambini?! Ormai sembra...

Diario Europeo: Islanda 16

Diario Europeo – Day 5: viva la pallamano!

Si chiude la prima tornata dei 6 gironi: prima impressione, forse bastavano meno squadre. Però se è per vedere la felpa di Kiraly, sempre quella da 20 anni, e la punta Szalai che segna dopo un anno e mezzo allora ne è valsa la pena. Szalai, l’attaccante che non segnava mai. Alaba con la nazionale gioca praticamente trequartista centrale, una “metamorfosi” alla Constant, solo che Kevin con la Guinea ha anche la numero 10 e la fascia di capitano. Constant > Alaba. Che poi Constant non è l’unico esempio che ci viene in mente. Ricordiamo Weah libero nella Liberia, Dwight...

6

Memorie Europee – Euro 2012 – Il Falso Nueve

Cominciamo Finiamo a raccontare gli europei. Lo facciamo in attesa L’attesa della nuova edizione di Francia 2016 è finita, la prima a 24 squadre con una formula molto simile ai mondiali giocati tra il 1986 e il 1994, comprendente quindi il ripescaggio di quattro delle migliori terze e le gare degli ottavi di finale, mai apparse ad un torneo continentale. La Francia ospiterà gli Europei per la terza volta. Celebriamo il ricordo dell’era moderna, quella che possiamo raccontare, per celebrare i campioni, gli episodi, i simboli e le squadre di tre epoche. Lo facciamo soprattutto per celebrare i ricordi di tre decadi...

16

Memorie Europee – Euro 2008 – La Rumba de Espana

CAPITOLO 8 – La Rumba de Espana Dopo aver raddoppiato le nazioni organizzatrici per la prima volta nel 2000 e organizzato il primo Europeo in terra portoghese nel 2004, l’UEFA decise di dare un contentino anche al paese di origine del gran capo della FIFA Blatter, ma visto che la Svizzera di stadi in grado di ospitare una manifestazione del genere ne ha pochi, si dovette chiedere ai vicini dell’Austria di compartecipare, aggiungendo 4 stadi a quelli scelti dalla federazione elvetica. I residui delle notti magiche del Mondiale 2006 sono ancora vivi, anche se Calciopoli si è abbattuta sul nostro calco decretando...

7

Le mosse alla vigilia della Finale di Champions League

Siamo arrivati all’epilogo della stagione europea dei club, in attesa di iniziare la grande estate del calcio per nazioni, con la Copa America e l’Europeo in Francia. Domani nella sempre magica cornice dello stadio di S.Siro si assegnerà per la sessantesima volta la Coppa dalle grandi orecchie, nella finale della ventiquattresima edizione della Champions League. Sarà ancora una volta un affare tutto spagnolo, anzi tutto madrileno, esattamente come nel 2013/2014 a Lisbona, dove il Real Madrid conquistò la Decima battendo i rivali cittadini dell’Atletico Madrid in una partita che a pochi secondi dalla fine dei tempi regolamentari sembrava chiusa a favore...