“Calcetto” Mondiale

I presupposti per una gara “calda” a Sepang c’erano tutti. E così è stata. Poteva essere l’ipotetica gara della gloria per Rossi, rischia di essere una macchia indelebile nella sua carriera. Il duello Rossi-Marquez ha vissuto in Malesia l’ennesimo capitolo culminato con la caduta di Marquez dopo un calcetto ricevuto dall’italiano. 68679_ufficiale-valentino-rossi-ultimo-in-griglia-a-valenciaUn duello fatto di sorpassi e contro-sorpassi al limite che hanno fatto perdere la testa al dottore ed è scaturito in un gesto non bello da parte di quest’ultimo. Già dalla conferenza stampa del Giovedì il clima era rovente tra i due: “Marquez ha giocato con noi, voleva far prendere vantaggio a Lorenzo e farmi perdere punti. Direi che è evidente quello che è emerso in Australia: Lorenzo ha un nuovo alleato”. Queste le dichiarazioni di Valentino Rossi. Parole pesanti che non hanno fatto altro che alimentare ulteriormente una gara che già di suo era bollente. Il gesto compiuto da Rossi non è giustificabile. Non è giustificabile se sei un pilota di 20 anni e vuoi dimostrare di “spaccare tutto”, ne tantomento se a compierlo è un  9 volte campione del mondo che da 20 anni lotta ad altissimi livelli.  C’è chi prova a giustificarlo dicendo che ha reagito solo alle provocazioni o che è stato un gesto di legittima difesa, ma francamente queste giustificazioni sono al limite del delirante. Anche perchè a parti invertite saremmo qui a chiedere la testa o la crocifissione di Marquez senza se e senza ma.

Lo spagnolo della Honda viene accusato di aver favorito Lorenzo arrivando lungo e permettendo a JL di passarlo facilmente e di aver invece ostacolato più volte Rossi ingaggiando con l’italiano un duello che fino al calcetto era assolutamente uno dei  più combattuti degli ultimi anni. È vero, Marc puó aver ostacolato Rossi battagliando con lui, ma nel bene o nel male queste son le gare. Un comportamento forse discutibile, ma Marquez è libero di poter fare la sua gara. Come ha fatto Iannone a Phillip Island sempre ai danni di Rossi, con annessi insulti al pilota Ducati sui social network da parte di pseudotifosi di VR. Anche perchè non lottavano per un ottavo posto, ma per un posto sul podio.

A Sepang Valentino Rossi ha dimostrato una fragilità psicologica che finora non aveva mai avuto. È sempre stato il più forte sotto quel punto di vista per anni in MotoGp, capace di sconfiggere i suoi avversari dentro e fuori la pista. A Sepang questa sua forza, colpa forse anche della tensione della gara, è venuta meno ed è culminata con quel calcetto che ha messo KO il campione del mondo in carica. Ha tentato di “mandare al manicomio” gli avversari, di indebolirli dal punto di vista psicologico, ma stavolta a farne le spese è stato lui.

130320914-49dcdb1d-fb70-45b9-80d0-ed4656759f3eSicuramente Marquez non è un santo, ha dimostrato in più occasioni una guida forse un po’ troppo irruenta ed aggressiva. Già in due occasioni le sfide corpo a corpo tra lui e Rossi si son concluse in modi un po’ bruschi: in Argentina con Marquez a terra e ad Assen con la vittoria di Rossi tagliando l’ultima chicane. La direzione gara ha dato ragione a Marquez, penalizzando Rossi che partirà dall’ultima posizione a Valencia.

In tutto questo Jorge Lorenzo guadagna ulteriori punti e si trova a soli 7 punti da Valentino Rossi. E con un Valentino in ultima fila a Valencia, le chance dello spagnolo di conquistare il titolo sono alte.

Per la cronaca, la gara l’ha vinta Dani Pedrosa, dimostrando una importante crescita di risultati in questa ultima parte di stagione.

L’8 Novembre a Valencia andrà in scena l’ultimo duello di questo lungo e combattuto campionato e di sicuro non sarà solo una semplice gara.

P.s.: #StayStrongGuidoMeda

Potrebbero interessarti anche...

20 Risposte

  1. piescic ha detto:

    La vittoria di Pedrosa oggi ha meritato tipo due righe. Ma giusto per la cronaca eh.

    Pedrosa è proprio uno sfigato. Nemmeno quando vince parlano di lui 😀

    PS: ho letto in giro che cose del genere nelle corse capitano e che se ti provocano, reagisci. Mah.

    PPS: l’imbarazzo dei media italiani nel commentare il fattaccio meriterebbe un capitolo a parte. Ridicoli.

  2. piescic ha detto:

    Ovviamente quella su Pedrosa è una citazione di un tweet che anche voi avete retweettato. Ho solo dimenticato di scriverlo 😀

  3. Giacomo ha detto:

    non condivido….fai la tua gara con tutti…ma marc questo non lo ha fatto…ha fatto passare lorenzo…e ostacolato valentino…..punto….
    gioca uguale con tutti….moralmente non condivido questo modo di fare…io non ho mai regalato niente a nessuno.
    Lascio stare poi la frase che queste sono le gare….
    Ripeto, ho corso il campionato italiano di motocross ,e non ho mai regalato niente a nessuno….
    Sul contatto guardati un replay…marc va col casco sul suo ginocchio….se non lo vedi compra un paio di occhiali

    • azazelli ha detto:

      Oddio….questa storia della testata è davvero imbarazzante….per chi ci crede, che poi sono gli stessi che hanno fatto sparire il calcio a Marquez. E non è un fatto di occhiali da comprare, ma di onestà intellettuale, perché a parti invertite sicuramente il popolo sarebbe insorto con tanto di hashtag, di slow motion e didascalie a spiegare che si era fatta una cosa disdicevole, si, certo….lo stesso popolo che domenica scorsa attaccava Iannone per non aver regalato il terzo posto ora mi viene a parlare di anti-sportività. Il popolo giallo è in subbuglio. Il popolo di Uccio che fa la faccia soddisfatta, datevi una calmata ed apriteli gli occhi, ancor prima di suggerire agli altri di comprare degli occhiali: ha fatto una cazzata, non cancella una carriera. Ma bisogna starci.
      Sulla questione del complotto direi che se è così allora non ti scaldare, guarda altro….ma sicuramente troverai complotti anche lì. Spiace.

  4. Giacomo ha detto:

    il circo della moto gp e’ tutto spagnolo,dorna,repsol ecc…..a chi credevi che avrebbero dato ragione?

  5. Giacomo ha detto:

    x me scrivete cavolate…..
    cavolate da chi non sa nemmeno lontanamente cosa sia una corsa di moto….ma e’ cosi’……ci sono giornalisti che scrivono di calcio e non sanno nemmeno tirare un calcio al pallone….un po come voi sulle moto….
    pazienza…poco importa…non leggero piu di moto sul sito

    • angyair ha detto:

      Ma il pensiero che c’è chi, semplicemente, non la pensa nella stessa maniera vi viene mai?

    • azazelli ha detto:

      PS. per quel che può contare in questa “discussione”, Emanuele (l’autore dell’articolo) s’è più volte professato un tifoso di Rossi (seppur non un ultrà), lavora nel mondo dei motori e credo passi molti weekend a vedere gare, spesso anche dal vivo. Non ha bisogno della mia difesa, ma non ho idea se fosse passato a breve a dire la sua su questo “giudizio personale” e quindi ho ritenuto corretto precisare questa cosa.
      Buona lettura per il resto del sito allora, se ne avrai piacere.
      Ciao.

  6. mlbarza ha detto:

    Direi che il tutto è stato disdicevole, da Rossi che in conferenza lancia l’accusa a Marquez riguardo il GP d’Australia (anche se forse col senno di poi, in effetti tutti i torti non li aveva…) a Marquez che per ripicca, a 17 giri dalla fine(!!) inizia ad ingaggiare un duello come se fosse l’ultimo giro del Mondiale, a Rossi che reagisce in quel modo, a Lorenzo che nel post gara dichiara che dovevano squalificare Valentino anche per la gara di ieri e che lui considerava un’ingiustizia che non fosse accaduto. Con tanto di (pare) ingresso non autorizzato in direzione gara per perorare la sua causa. Da non coinvolto direttamente…

    Valentino ha sbagliato cercando di creare un clima di tensione in cui ha sempre sbranato gli avversari in passato e che ha finito per ritorcerglisi contro, proprio contro un avversario a cui negli anni (come a lui del resto…) ne hanno perdonate parecchie. E in questo forse le direzioni di gara dovrebbero essere un po’ meno permissive, perchè va bene lo sport, l’agonismo, l’adrenalina della gara, ecc. ma forse negli ultimi anni i confini tra il lecito ed il troppo rischioso si sono passati abbondantemente, senza che nulla venisse fatto.

    L’unica cosa che mi dispiace davvero, da sportivo da divano, è che fondamentalmente Valencia si presenta con le premesse di una non-gara, quando invece poteva essere la gara più appassionante degli ultimi anni.

  7. Alberto ha detto:

    Questione difficile da valutare…
    marquez ha provocato vale ha ceduto….
    pero ‘ il titolo e’ sbagliato…non c’e stato nessun calcetto…e non lo dico io, ma la direzione gara che ha squalificato vale per aver portato marquez fuoti traiettoria.
    hanno confermato nessun calcio…..

    • azazelli ha detto:

      Capisco, la giuria parla di condotta scorretta e non dice nulla su calci e testate. Ad ogni modo il pezzo è uscito domenica mattina alle 11,30 quando il calcetto (o la gamba che si allarga) era abbastanza evidente dalle immagini. Poi abbiamo letto le motivazioni della giuria in cui non si parla di calcio, però ormai il pezzo era uscito…che possiamo farci? 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *