NFL in pillole – Week 16: è proprio Natale

Le partite divisionali poste a fine stagione: come avevano fatto a non pensarci prima?!?!

Effetti della schedule-spezzatino: Dallas festeggia division, bye e seed #1 giovedì notte, pur non giocando. New York (sponda Giants) festeggia la qualificazione ai playoff la notte della vigilia pur avendo già perso proprio giovedì notte. Kansas City festeggia l’ingresso nella postseason un’oretta prima di scendere in campo…e battendo i Broncos fa festeggiare i Dolphins….

Tra 5 anni saremo ancora qui a parlare della immarcabilità dietro ai blocchi di un Darren Sproles quasi 40enne. Non è una domanda.

Babbo Natale una volta era più buono, a due squadre da anni in difficoltà come Titans e Raiders ha portato in dono infortuni. Più spezzacuori, che spezzagambe. Un augurio di pronta guarigione sia a Carr che a Mariota, protagonisti di una stagione che meritava ben altra chiusura.

Matt Moore, Tom Savage, Matt McGloin: probabilmente 3 dei 6 QB titolari ai playoff nella AFC, soooo sick!

Nella corsa di Ajayi che ha deciso overtime, partita e stagione dei Bills, questi erano in campo in 10. A Buffalo non si drogano solo sugli spalti…Ryanesque.

Contateli…

E quando erano 11 in campo? Non molto meglio in effetti…

Ci sono quarterback che rimangono per una vita in panchina e non avranno mai la loro chance in NFL. Poi c’è Ryan Fitzpatrick.

Cosa si può dire di Jets at Patriots? Ci limiteremo a riportare il grafico dell’andamento della “win probability” che si trova su ESPN:

Non tutte le partite divisionali riescono con il pathos…..

I Titans erano già sotto di 15 punti e poco più di un quarto da giocare quando hanno visto fischiare la fine anticipata della loro stagione comunque sorprendente e concedere il tempo necessario a Matt Cassel di lanciare un intercetto (ed anche un TD..)

Jaguars, Browns e 49ers che vincono nella stessa giornata? È proprio Natale!

Jaguars che hanno fatto registrare il primo vantaggio in doppia cifra nel primo quarto dal 2014! 45 partite fà!

Cleveland ha dimostrato finalmente di poter vincere una partita anche senza Manziel.

Il talento, l’età media e i margini di miglioramento del front 7 dei Chargers è tale che, ovunque giocheranno nei prossimi anni, io un occhio ce lo butterei.

A proposito di buttare, “come buttare una vittoria” questa volta sale in cattedra e la spiega Josh Lambo.

Quando l’anno prossimo i Bears andranno al Super Bowl guidati da Tony Romo, ringrazieranno i Washington Redskins per aver intercettato 5 volte Matt Barkley ed aver tolto loro anche il minimo dubbio se poter puntare su di lui nel 2017 come starter.

Per certi versi, i più maligni potrebbero dire che è la stessa cosa che stanno cercando di fare i Redskins in questo finale di stagione: trovare qualcuno che in un modo o nell’altro tolga loro dei dubbi su Cousins, in ottica prossimo anno.

Greg Olsen è il primo TE a ricevere per 1000+ yard in tre stagioni consecutive. Non c’era riuscito nessun altro sinora, nemmeno Tony Gonzalez.

Ad Olsen risponde Tialavea: prima partita tra i pro (dopo 2 anni e mezzo in giro per practice squad), prima ricezione, 1 yard, 1 TD.

Lo yin e lo yang.

I tifosi dei Colts aspettano il black monday come i bambini i regali la mattina di Natale: la semantica del verbo “scartare” applicato al management di Indianapolis però è leggermente diversa.

Dovessero comunque i Raiders afferrare il bye, McGloin avrà 3 settimane di tempo per allenarsi a pieno regime con i titolari prima del Divisional: una sorta di training camp. Basterà?

Mike Evans prima o poi si prenderà tutto il palcoscenico, per ora si “limita” a flash di onnipotenza fisica abbaglianti.

Alla fine Brees supererà per la quinta volta in carriera le 5000 yard (gliene mancano 142) e per la sesta volta il 100 di rating. In più ha già tenuto aperta la striscia di stagioni con 30+ TD lanciati (siamo a quota 9). Certezza.

E con 60 yard nell’ultima giornata Ingram supererà anche le 1000 yard….a New Orleans non accade dal 2006, Deuce McAllister…..

Considerando cos’è successo a quei runningback come Melvin Gordon e Carlos Hyde che erano a 3 e 12 yards dalle prime 1000 in carriera andremo subito a comparci qualche amuleto fossimo nell’ex Heisman Trophy.

14 TD, 0 intercetti nelle ultime 6 partite: Aaron Rodgers ha ripreso in mano la situazione.

I Packers assomigliano di nuovo, nel bene e nel male, alle versioni degli ultimi anni…il che è un discreto passo avanti rispetto a quelli che avevamo visto nella prima metà di stagione.

Cordarrelle Patterson, Charles Johnson, Stefon Diggs ed ora Adam Thielen, ogni anno i Vikings si inventano qualche WR, ma la situazione offensiva non sembra migliorare…

Goff male male in queste sue prime settimane da titolare. Le scelte che saranno prese in offseason saranno decisive per la sua carriera e per il futuro dei Rams. Siamo già spalle al muro.

A proposito di offseason decisive, chissà come sarà quella di Kaepernick….

Cardinals vs Seahawks non è mai una partita normale…

Ah, basta vedere le esultanze a fine partita dei giocatori e tifosi di Browns, 49ers e Cardinals per capire  che nel football il tanking non ha casa, neanche in affitto.

Prima del draft si diceva che Baldwin non sapesse correre, lo chiediamo ai difensori di Arizona?

Era dal 2006 che non avevamo un giocatore sopra le 2000 yard dalla linea di scrimmage e 20+ TD, 10 anni fa toccò a LaDainian Tomlinson, vinse anche l’MVP con San Diego che chiuse 14-2. Se a fine anno non premieranno anche David Johnson avete capito il perché….

L’offensive line dei Seahawks invece non blocca né a Natale né negli altri giorni.

Ti svegli la mattina di Natale e pensi: mi vedo tutta Texans – Bengals che ho tempo! Poi ci pensi bene e preferisci il condensed….ed il tuo Natale prende già una bella piega.

I Bengals quest’anno hanno avuto un sacco di problemi, quello del kicker hanno provato a risolverlo tagliando Nugent e firmando Bullock. Riprova ancora (cit.)

Un giorno vedremo questo Clowney giocare assieme a quel J.J. Watt e forse sarà anche divertente veder giocare i Texans.

A proposito di Clowney, chi di voi non ha tifato affinché raggiungesse LaFell nell’unico big play di nottata??!

Pensate ad un bimbo di 2 anni di Pomezia, che ricorderà per sempre il Natale 2016 quando suo papà lo mise davanti all’Ipad per vedersi assieme a lui questo Steelers-Ravens.

Prima che qualcuno denunci rowiz, non è andata così…ma sarebbe stato bello, no?

Antonio Brown con una giocata che vale una stagione o per lo meno una division. Che giocatore!

Big Ben stava giocando una delle sue peggiori partite, poi ha tirato fuori 3 drive che se appunto non fosse Big Ben definiresti inaspettati.

Ravens-Steelers: senza ombra di dubbio nella top3 delle partite più belle dell’anno. (Che poi ce ne siano una decina tra le top3 è quasi secondario…)

Come sarà stato  invece il Natale dei bambini che tifano Ravens? Hanno visto il Grinch!

Diciamolo con estrema sincerità: sui Broncos a noi sorprende di più il fatto che si sia arrivati a week 16 per sancire l’uscita dalla lotta ai playoff piuttosto che non li facciano.

Era dal 2003 che le squadre partecipanti al Super Bowl nell’anno precedente non si qualificavano alla post season. Quell’anno toccò a Oakland e Tampa Bay, peccato per i Bucs appesi ad un filo sottilissimo al momento, sarebbe stato un discreto “cerchio che si chiude” se il SB quest’anno si fosse giocato proprio tra loro due.

Siemian non può essere la risposta per il 2017, il problema ora però è capire chi dovrà cercarla.

O magari è la risposta ad una domanda che nessuno aveva fatto…

La variabilità del running game dei Chiefs è per palati fini, un po’ come la cucina molecolare, ma può esaltare.

L’attacco dei Chiefs è quel mondo dove viene fatto eseguire a un tight end un WR screen. E lui segna un TD da 80 yards!

A proposito di cucina: Dontari Poe diventa il giocatore più pesante ad aver mai lanciato un TD Pass (supera JaMarcus Russell), il fatto che l’abbia fatto saltando rende il tutto ancora più bello.

Siete un fan che vuole farsi un’invasione di campo durante una partita? Sconsigliamo Kansas City:

È dal 28 novembre 2013 che Detroit non ha un giocatore sopra le 100 yard corse, l’inizio di Zenner sembrava poter essere quello giusto….e invece…..

Dubitiamo che Randy Gregory riuscirà a capire il concetto di “assignment” prima che arrivi la prossima squalifica.

Dez caught it…..

(e poco dopo)….Dez threw it. (ed è mancino….)

Quanto si divertono alcuni punter a placcare?!

Playoff scenario. In AFC abbiamo le sei squadre: New England, Oakland, Pittsburgh, Houston, Kansas City e Miami, ballano i seed. In NFC Dallas seed #1, Seattle, Atlanta già vincenti delle proprie division, Giants sicura della wild card, Detroit, Green Bay e Washington si giocheranno gli ultimi due posti. Washington è dentro se vince contro i Giants, idem per chi vince tra le altre due contendenti attese allo scontro diretto che concluderà la regular season 2016, per di più entrerebbero assieme in caso di sconfitta dei Redskins. C’è addirittura uno scenario (L per Atlanta e Seattle, W per Detroit) che potrebbe regalare il bye ai Lions. Per ogni “what if” sugli scenari playoff vi consigliamo come ogni anno la playoff machine di ESPN.

PS. Ah sì…ci sarebbe una chance anche per i Bucs….questa:

azazelli

Da giovane registravo su VHS tutte le finali di atletica, mondiali ed olimpiadi, poi m'hanno cancellato il record di Donovan Bailey con Beautiful e mi sono dato al download. Vivo di sport, cerco di scriverne.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *