Rio 2016: Day 15 – Riga pizzicata

[Pallanuoto] Messa via la finale del beach, oggi si gioca quella della pallanuoto femminile: “#MaxiSchermo Finale #7Rosa #Rapallo anticipa #Recco e per domani sarà possibile tifare le atlete azzurre del #RapalloNuoto ed anche Bianconi”, anche Rapallo si ferma. “Rapallo è piena di vecchi, è normale siano fermi”

[Sollevamento Pesi] Ahia, inizia il solito balletto delle squalifiche, la prima vittima è Izzat Artykov che avevamo apprezzato per la sua barba, bronzo nella categoria 69kg. Dai…più che doping è tentativo di auto-avvelenamento: la stricnina?!?! Sul serio??

[Doping] A proposito di doping, @nytimes 25 athletes who’ve previously been suspended for doping have won medals in Rio so far. Evviva la redenzione. Che poi detta così vuol dire fino ad un certo punto, considerate le tante medaglie assegnate e i tanti atleti usciti da sospensione per doping. Ma ci piaceva metterla.

[Marcia] Partenza la mattina per arrivare giusti giusti alle ore più calde della giornata, ma quelli del CIO non lo guardano Studio Aperto?!

[Marcia] Diniz più veloce di Pedro Paolo.

[Kayak] Piazziamo il sosia di Andrew Luck (Manfredi Rizza) in finale al K1 200m.

[Marcia] Marcia nel senso di avariata, sai che puzza a marciare con Diniz dopo il pit stop….Diniz che comunque non sta bene, crolla, sviene, poi riparta. Stava viaggiando a ritmi da polverizzare il record del mondo ed ora non sa nemmeno dove si trova probabilmente. E probabilmente andrebbe fermato.

[Marcia] I nostri sono già (quasi) tutti in zona interviste…sono arrivati e non se ne è accorto nessuno?

[Marcia] Marcia, vabbè…si fa per dire…quella di Tallent, che nonostante questo riesce a farsi riprendere da Toth che vince. Terzo quello che (a nostro parere) ha marciato tecnicamente meglio dei primi, il giapponese Arai. Anche se prima gliela tolgono e poi gliela ridanno per una sportellata al canadese Dunfee.

[Marcia] Diniz chiude all’ottavo posto a 5’45”, eroico e tutto, ma era atleta da medaglia, se non avesse fatto una prima parte di gara a ritmi da marziano (cosa che evidentemente non è) magari il podio lo faceva senza farsela sotto.

Diniz in difficoltà

Diniz in difficoltà

[Nuoto Sincronizzato] Meno male non abbiamo vinto medaglia, non avrei saputo cosa scrivervi…

[Volley] “Quell’argento rimane uno dei ricordi peggiori di ogni olimpiade”, ci prepariamo alla semifinale difficilissima contro gli USA cercando di tirar fuori buoni ricordi…ma niente…

Ottima partenza, almeno rispetto a ieri, lì era stato 6-0, qua solo 6-2. “Ma Lanza in ricezione quanto fa schifo”…non che al servizio abbia fatto meglio…”Ma una squadra italiana che non si caga sotto ad inizio partita?”, “Lupo-Nicolai, ma li hanno spazzati via lo stesso…”, “bisogna chiamare il mentalista di Bonucci”.

Birarelli si fa male, “ma tanto i centrali non erano inutili nel volley moderno?”

“Zero muri mi par….”, “MURO!!” 16-19, proviamo a rientrare ma non pare fattibile: “con il rally point system è impossibile recuperare 3 punti agli USA”. Le proviamo tutte…

La ribattuta (o come diamine si può chiamare?!?) di Lanza da terra sul loro set point, Juantorena che salta più di Lebron James, la moviola in campo su un servizio toccato da loro che facevano finta di nulla (peggio di Lochte….) e non solo recuperiamo i 3 punti ma vinciamo pure il primo set.

“Il primo tempo non lo leggiamo mai…”, “Birarelli sta facendo fatica, ci sta…”

“Giannelli fortissimo già detto?”, un po’ di sportività su Anderson che va a recuperare una palla a “casa nostra”: “Bravi loro dai…

Con quel muro che si ritrovano nessun set è mai chiuso per gli USA. Sembravano spalle a terra ed invece si va ancora ai vantaggi e con l’ace di Anderson arriva l’1-1. “Questi non li affossa nulla” e scappano via nel terzo set.

Terzo set stile massacro: “I centrali non contano nulla ma noi perdiamo proprio lì, i loro murano e attaccano, i nostri no” (non ancora…)

Anche il loro palleggiatore Christenson è bravo dai…..c’hanno sculacciati e sembrano non abbiano ancora finito di farlo. “Stanno anche ricevendo benissimo”, ormai siamo sportivissimi….”fare 9 punti in un set è una roba da annali” ed in effetti pare proprio un qualche record…

[Marcia] Le cinese della marcia: Liu, Lu e la terza?! U?

[Volley] Quarto set, 20-22….e facciamo 5 punti sul (e grazie al) servizio di Zaytsev (il 24esimo punto che pizzica la linea al challenge è la copertina di questa partita: che dio benedica la moviola), uno che era totalmente sparito da 2 set e che nel quinto poi ci trascina.

Arriva anche un punto fatto da Colaci, il libero, lì capisci che non puoi più perdere. E infatti quando c’è da chiuderla ci pensa Buti (hai capito i centrali): “Mi fa morire quando dopo mezz’ora a tutto braccio uno serve a due all’ora e fa quasi ace” da ripetere due volte, come i ritornelli delle canzoni di chiesa. E dopo i servizi vincenti, Buti ci mette anche il muro. Siamo una squadra da mandare in psicoanalisi la psicoanalista, ma in finale ci andiamo noi.

Scatto di rito

Scatto di rito

[Volley] Tra le altre cose, ci resta un’alzata ad una mano di Giannelli nelle fasi concitate del quinto set che vorremo rivedere e rivedere e rivedere.

[Volley] Lucchetta spiegherà bene, ma quando va fuori controllo con il suo flusso di coscienza è davvero ingestibile, robe che nemmeno Ferrero “il viperetta”. “Prendi il tuo pollice, mettitelo in bocca e ciuccialo”…è calato l’imbarazzo in tutta Italia.

[BMX] Gli spalti pieni di colombiani e la Pajon che (da favorita) vince: un delirio che se avete modo vi consigliamo di recuperare.

[Marcia] La Giorgi già squalificata, peccato per una “quelchepassa favorite”, nel senso che è una che ogni tanto mette “favorito” (come si chiamavano una volta) ai nostri tweet (non abbiamo l’esclusiva eh…). La Palmisano è quella messa meglio, a lungo con le prime, poi paga un po’ il forcing della messicana a cui resiste solo il duo già citato Liu-Lu.

[Pallanuoto] Con dimensione meno drastica (almeno inizialmente), ma gli Stati Uniti stanno provando a fare la parte della Serbia di ieri…a noi a quanto pare tocca sempre la parte dell’Italia. Poi aiuta schierare in porta una piovra. Rimaniamo comunque attaccati alla partita, sotto 5-3 all’half time.

[Marcia] Arrivo in volata, mancava solo che facessero il gesto di buttare avanti il petto…vabbè, non importa. Vince la Liu, seconda la messicana Gonzalez a sorpresa, terza la Lu. Quarta la Palmisano, anche lei sopra le aspettative.

[Pallanuoto] La Johnson (la piovra di cui sopra) pare pure i rigori. Dobbiamo vincerla prima nei regolamentari…..direi che comunque non sembra un problema. Finale terzo parziale 9-4 USA. Massacro, c’è da dire che, stile scherma, quando perdiamo non lo facciamo mai in maniera normale…solo delle gran ripassate “Comunque fare 5 gol è davvero poco”. Prendiamoci questo argento, che le statunitensi son davvero le più forti.

[Boxe] Forse riusciamo a vedere un K.O., forse no. Comunque il britannico Joyce va in finale per i 91+ kg, il kazako Dychko si prende il bronzo e riesce a concludere in piedi.

[Golf] Ancora un giro e per le medaglie sembra una lotta a 4 (Park, Ko, Piller e Feng) tutte chiude in 3 colpi. Le italiane molto male: penultima e quartultima, con loro la ormai mitologica Lovelady.

[Pentathlon moderno] La nostra Sotero è ad una decina di secondi dal podio, ma la prova combinata non va per il meglio. Conclude comunque nella top 10, ottava. L’oro va alla Esposito che era partita per settima nell’ultima prova, praticamente assieme alla giovane italiana. Male invece la Cesarini (24esima), che alla vigilia era accreditata per una possibile medaglia e post gara dichiara candidamente: “Con il cavallo mi trovavo bene, ma mi sono scordata per ben due volte il percorso, non so cosa mi sia successo” LOL.

[Pentathlon moderno] Molto peggio le ultime due campionesse in carica, che hanno devastato la loro prova con la lotteria del sorteggio del cavallo per l’equitazione: Asadauskaite finisce 31esima, Schoneborn 32esima.

[Pentathlon moderno] Peccato per la gestione televisiva ed organizzativa dell’ultima prova, a Londra l’avevano organizzata molto comprensibile ed era risultata davvero spettacolare. Qua non si capiva nulla del tratto di corsa. Forse solo con Tamberi al commento aiutato da Roata avremmo risolto qualcosa.

[Hockey] La finale tra Gran Bretagna e Olanda va agli shoot out (stile hockey NHL), in uno di essi il portiere fa fallo…da rigore…e allora via con il rigore del rigore.

[Basket] C’è da decidere chi andrà a schiantarsi contro gli USA, perché non saranno belli, non saranno divertenti, ma di batterli proprio non se ne parla. Comunque l’Australia aveva fatto molto bene nel girone (anche contro di loro) e nei quarti contro la Lituania, poi oggi ha chiuso la prima metà a 14 punti….la seconda part ce la siamo evitata: finale Serbia-USA

[Atletica] Meravigliose le nostre 4 ragazze della 4×400. Record italiano e finale conclusiva dei giochi per l’atletica femminile conquistata.

Staffette “lunghe” maschili molto avvincenti: da una parte la Giamaica che rimonta gli USA nel finale, dall’altra avviene il doppio “miracolo”: prima squalificano il Trinidad e Tobago dalla prima batteria, giusto per mettere in chiaro le cose. Poi a giochi fatti, con i brasiliani che sarebbero i primi non qualificati (anche contando la squalifica di cui sopra) ecco il colpo di coda: anche la Gran Bretagna (vincente della batteria) viene squalificata per essersi posizionata in maniera errata nell’ordine del cambio (fiscalismo a 2000). L’ultima gara in pista delle Olimpiadi 2016 vedrà partecipare anche il Brasile, almeno gli spettatori non se ne andranno prima. Ultimo staffettista? Pelè!!!

Occhio come sempre alla famiglia Borlee per il podio.

I 5000m femminili. Come da par suo la Uehara prova a scappare, ma qua non ti lasciano andare. La Ayana prima capisce che non è aria di record del mondo, poi si rende conto che non è nemmeno aria di doppietta, le kenyane la cucinano per bene e la costringono al terzo posto.

La staffetta veloce femminile vede correre ancora una volta le statunitense da sole!! La Fraser-Pryce prova la rimonta finale ma è tutto già deciso.

La Morris che sbaglia di un nulla il salto per vincere l’oro nell’asta. Poteva aggiungere un altro capitolo ai concorsi decisi all’ultimo respiro in questa Olimpiade.

Si chiude la giornata in pista con la 4×100: Bolt fa tripletta per la terza volta consecutiva = 9. Nove medaglie d’oro. Ed anche qui molto del merito è suo, i compagni gli consegnano il testimone quasi al pari con USA e Giappone, poi lui separa gli umani dagli extraterrestri. E proprio tra gli umani emergono i giapponesi (noi ve l’avevamo detto ieri…) con i statunitensi che prima rischiano il terzo posto in pista, a causa di una rimonta incredibile di De Grasse che si ferma a 2 centesimi, poi lo perdono (almeno momentaneamente) una volta finita la corsa con squalifica per cambio irregolare: ci sarà il ricorso quasi certo, scopriremo domani a chi andrà questo bronzo.

[Volley] A quanto pare l’avversario dell’Italia in finale sarà tutto il maracanazinho…arrivano i brasiliani…e noi ci addormentiamo


I titoli assegnati oggi, penultima giornata olimpica:

  • 12.00-20.50 Golf: ultimo giro F (Molinaro, Sergas)
  • 14.07 Kayak: K1 200m (Rizza)
  • 14.20 Badminton: Torneo singolo M
  • 14.22 Canoa: C2 1000m
  • 14.47 Kayak: K4 500m
  • 15.12 Kayak: K4 1000m
  • 16.00 Triathlon F (Bonin, Mazzetti)
  • 17.30 Mountain Bike F (Lechner)
  • 23.00 Pentathlon Moderno M (De Luca, Petroni)
  • 22.00 Ginnastica Ritmica: All-Around individuale
  • 20.30 Pallamano: Torneo F
  • 20.30 Basket: Torneo F
  • 21.00 Lotta libera: 86kg M, 125kg M (orario inizio ripescaggi)
  • 22.50 Pallanuoto: Torneo M
  • 21.30 Tuffi: 10m M
  • 22.30 Calcio: Torneo M
  • 01.30 Atletica: Alto F (Trost, Rossit)
  • 01.55 Atletica: Giavellotto M
  • 02.00 Atletica:1500m M
  • 02.15 Atletica:800m F
  • 02.30 Atletica: 5.000m M
  • 03.00 Atletica: 4×400 F
  • 03.00 Taekwondo: 67+ kg F
  • 03.15 Taekwondo: 80+ kg M
  • 03.15 Pallavolo: Torneo F
  • 03.35 Atletica: 4×400 M

Potrebbero interessarti anche...

13 Risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *