Rio 2016: Day 8 – Diecimila metri

[Nuoto] Ci manca solo Paltrinieri, oggi la sua batteria: “Come si vive l’attesa a Carpi?”, “In realtà la città è deserta…”, “Sono tutti a Rio?”, “A guardare Facebook direi più Gabicce che Rio”

[Golf] Manassero continua a non attirare le simpatie di alcuni dei nostri: “Ho capito perché è andato a Rio, non c’è il taglio”…purtroppo arriva un bogey seguito da un doppio-bogey che rovina tutto mentre era in controllo (niente di eccezionale, ma almeno qualcosa per cui “sognare”).

[Rugby] Sembra siamo arrivati ad un punto di contatto sulla discussione “Rugby sì, rugby no”. C’è a chi diverte, c’è a chi fa schifo, tutti sono d’accordo che ha le regole del rugby (più o meno), ma il rugby è un’altra cosa. E poi c’è: “a me fa schifo a 7 a 15 a 20 a 100….”

[Arco] Oggi salutiamo anche gli arcieri. Ci mancheranno. Bisognerà trovare il modo per non perderli di vista (lo so, lo si dice spesso, ma l’arco è davvero una figata). Ad ogni modo via agli ottavi e ritroviamo subito Sjef Van den Berg, l’ultima volta era andato in gara con un occhio tumefatto, oggi porta gli occhiali da sole.

[Arco] Per battere il cileno Soto, Van den Berg ha bisogno di 2 shootoff!! Incredibile, nel primo c’era differenza di 5 millimetri tra le due frecce.

[Tuffi] Notizie dallo stagno: annullata la sessione di allenamento “Va proprio tutto bene”, “questa organizzazione brasiliana farà sembrare Roma 2024 un orologio svizzero”

[Atletica] Si inizia con Eptathlon e Disco uomini, ma il nostro interesse è sempre e solo uno: “ma la Vlasic gareggia?”

[Arco] Anche Das (che c’era già piaciuto i giorni scorsi) la mette giù difficile al coreano Lee (che in quanto tale è favorito dalla nascita), ma pure qui upset solo sfiorato…

[Arco] Nespoli con un ottavo di finale davvero perentorio ed in controllo (29, 29, 28). Anche Roata perentorio, ma totalmente fuori controllo.

[Bocce] Se c’è il “XXXXX” (inserite voi lo sport che più non vi piace alle Olimpiadi) allora io voglio le bocce.

IMG-20160812-WA0014

Vicini vicini

Ci hanno preso sul serio. Tra l’altro mentre marshall e golfisti stavano discutendo su come fare, Stenson in green, inquadrato sullo sfondo ha imbucato da 20 metri….(il nostro anatema non sta facendo ancora effetto: lo svedese è terzo a due colpi dalla vetta, tenuta ancora da Fraser. Bene anche Justin Rose nei 10. Recupera Bubba Watson, ancora disperso Fowler. Peggior risultato di giornata quel Quesne di cui parlavamo ieri, +8)

[Atletica]

Lo sport è da sempre grazia, armonia, eleganza: “La pesista è femminile tedesca ha un che delicato tipo martellata in faccia

Il QN americano che titola “Raven Saunders adorabile cicciottella”, adorabile è proprio la prima cosa che ti viene in mente quando la vedi roteare….

Mo' ti tiro uno schiaffo che finisci nell'Illinois

Mo’ ti tiro uno schiaffo che finisci nell’Illinois

Adesso abbiamo capito quando Steven Adams ha imparato ad essere così duro e spigoloso su un campo da basket. Quando tornava a casa e trovava sua sorella maggiore pronta a fare bullismo su di lui (poi lei è diventata bicampionessa olimpica e quattro volte campionessa mondiale del lancio con il peso).

“Ma tu segneresti con un ferro incandescente gli atleti che fanno gesti da tamarri alla presentazione della gara, prima di partire? Io sì, molto. Le fondiste non hanno tempo da perdere a fare i tamarri. Vedi come salutano sobrie e un po’ emozionate, queste?”

Scende in pista il primo italiano (Giordano Benedetti): “Quindi siamo pronti a un’intervista stile nuoto ho dato tutto?”, “In realtà è uno che soffre più turni, va in calando, ma avendo un buono spunto qua ce la dovrebbe fare”, e poco dopo dicono la stessa cosa in TV, occhio che abbiamo l’Esperto sul serio sull’atletica eh….

Primo oro assegnato dall’atletica: un 10.000m F che parte subito con ritmi pazzeschi, “eccolo il primo doppiaggio, dopo 3600 metri”

Io Stoccarda 1993 me la ricordo (quella edizione la registrai tutta, finale dopo finale), quelle cinesi che partivano una in scia all’altra, quel sangue di tartaruga, quelle prestazioni bestiali da parte di atlete che poi sparivano dalla circolazione, one shot. Wang Junxia è stata l’emblema di quella epoca. Quei 10.000 resteranno per sempre nella nostra memoria. Fino ad oggi pareva impossibile batterli.

Poi è successo questo:

WhatsApp Image 2016-08-12 at 16.48.18

Tolti 14 secondi a quel tempo che resisteva da 23 anni. La seconda che rischia di batterlo. In 4 sotto ai 30 minuti. È l’apoteosi. Siamo davanti al lungo di Tokyo ’91, ai 200m di Atlanta ’96, ci dicono al triplo di Città del Messico ’68. Non ci sono parole.

Piccola curiosità: Ayana è la prima volta che il record del 10.000 appartiene ad una africana. Non era mai successo né prima, né dopo che la competizione fosse riconosciuta dalla IAAF (1981)

Ah per quel che conta, si è corso anche di mattina….

Se il buon giorno si vede dal mattino (in tutti i sensi quindi…), prima corsa, pista anche bagnata/umida…e super tempone: ci divertiremo.

“Se voi correste al massimo della vostra velocità e lei a quella a cui ha corso questi 10mila, durereste 300 metri”, “ma anche meno, ti assicuro”

Dalla gara più lunga in pista a quella più breve: “Silenzio che ci sono i 100 m femminili scarsi“, quelli dell’eptathlon.

Primi upset di giornata: Amos out dagli 800m M, Robert Hartling fuori dal disco M

[Tiro a segno] Stavolta Campriani non è solo, con lui nella finale a 8 anche De Nicolo. Anzi è stato proprio Niccolò ad acciuffare la finale con gli ultimi 10 colpi in qualificazione davvero monumentali.

[Pallanuoto] Si soffre sempre con il Settebello, partite tiratissime. “E si stanno picchiando veramente bene”, arriverà una sconfitta che non compromette il percorso.

[Tiro a segno] Peccato settimo Campriani, sesto De Nicolo. Mentre il tedesco Junghaenel è ingiocabile per tutti. Nemmeno la Wang-move l’avrebbe fatto perdere (vabbè…non esageriamo). Si saprà poco dopo che Campriani ha rotto la sua carabina ed ha dovuto gareggiare con quella di un altro e domenica userà quella della Zublasing.

[Pallanuoto] Si profila un Serbia-Croazia: “batterà in 32 minuti tutto il torneo di pugilato”

[Canottaggio] Dopo il 2 senza, anche il 4 senza vince il bronzo! Finale di regata paurosa, sembravano spacciati a 500 all’arrivo tra quarto e quinto posto, poi il cambio di ritmo e il finale imperiale con ampio margine. Lodo, Castaldo, Vicino, Montrone.

Selfie da podio

Selfie da podio

[Scherma] Alla sostituzione di Cassarà, più entusiasmo che a quella di Del Piero con Baggio a Francia ’98. “E mett’a bbaldini” (semicit.). Entra Baldini, “ma andava bene anche una sedia con rotelle”.

[Scherma] Lefort è fort, Cadot non fa cadeaux e Le Pechoux in faccia a noi. (Teribbbbbile, ma non quanto il nostro duello contro i francesi)

[Scherma] Ecco…Baldini 0-5, proviamo la sedia da ufficio. “Ma si son sbagliati ed è entrato l’ex maratoneta?”

[Scherma] L’abbiamo già data per persa…non la semifinale: “Così è impossibile pure il bronzo”, in effetti senza BaldinCassarà (3-18 combinato) saremmo stati in gioco.

WhatsApp Image 2016-08-12 at 17.42.26

E questo non è nemmeno il momento peggiore…

[Tuffi] Da merda a merda, stavolta nel senso letterale: “tutta la struttura puzza di scoreggia”, tuffatore tedesco. “Su 265 campioni di acqua analizzati, il 52% è risultato con cariche batteriche elevate…ho letto questo e pensavo si parlasse della piscina verde, invece sono solo le spiagge italiane, tutto tranquillo”, basterà aggiustare il filtro anche qua.

[Nuoto] L’ampio comizio del DT della FIN, Cesare Butini, ha fatto rivalutare la possibilità di vedersi 5 6 batterie dei 1500. L’highlight è il momento in cui è arrivato a parlare che “alla fine anche Gyurta ieri ha fatto male eh…”

[Nuoto] Sun Yang aveva allenato molto la velocità dicevano..ed infatti out dalle batterie dei 1500. Nelle quali invece entrambi i nostri (Detti e Paltrinieri) agguantano per bene il pass per la finale….domani….(…oggi per chi legge….) …….ed occhio a Jaeger.

[Tiro a segno] Orargento!!! Cainero e Bacosi in finale tra di loro, che dure! Siamo lì che sfogliamo la margherita: Bacosi, Cainero, Bacosi, Cainero, Bacosi, Cainero, Bacosi….BACOSI!! ORO e ARGENTO, l’avevamo già detto? “Temevo di perdere l’oro anche con due finaliste…”, visto l’andazzo delle nostre finali a due….

Massì, mangiamoci una medaglia, anzi due!

Massì, mangiamoci una medaglia, anzi due!

[Tiro a segno] “Armi siamo fortissimi. Gli effetti positivi di Gomorra”

[Arco] Sjef Van den Berg e Lee danno lo spettacolo che ci si aspettava, si decide tutto al quinto set, inizia l’olandese 10, 10, 10, 10, 10, 9 finale del coreano. Van den Berg in semifinale!

[Arco] Nespoli e Valladont danno vita ad un quarto da cuori forti. Si va allo shootoff grazie ad una freccia “contestata”, dopo aver viaggiato ad una media di due 2 a set per ognuno. Lì vince il francese. Peccato!

[Arco] Fasi finali ancora molto belle, Ku vince il torneo con una semifinale conclusasi allo shootoff e lo scontro per l’oro portato fino all’ultimo set. Che l’arco è uno sport meraviglioso e televisivamente accattivante l’avevamo già detto? Ci mancherà…

[Ciclismo su pista] 75.384 km/h, Jason Kenny lo paga il bollo? (Record olimpico di velocità individuale)

[Ciclismo su pista] Inseguimento a squadre: i nostri ragazzi sono stati pure sfortunati, troppo veloci per i cinesi…e nell’atto del sorpasso si sono leggermente disuniti. Anche se in parte avranno usufruito anche della loro scia, ad ogni modo alla fine restiamo fuori dalla finale per il bronzo per 70 millesimi. Orgogliosi dei quattro. Sempre al turno eliminatorio Wiggins e soci hanno messo lì “solo” il record del mondo.

[Boxe] Premio GAC ai telecronisti: “Fondamentale portare a casa le prime due riprese così poi è più facile”. “Strada spianata verso il titolo ora che ha eliminato la temibile nana” per la nostra Irma Testa. “La prossima ha la campionessa del mondo mi pare”

[Scherma] Il sentimento di impotenza che avranno avuto Garozzo e Avola non si augura a nessuno…siamo quarti.

Non so a chi vanno i credit, ma chiunque tu sia, sei un genio!

Non so a chi vanno i credit, ma chiunque tu sia, sei un genio!

[Volley] “Ho sentito poche volte spalare tanta merda su una squadra come con l’italia femminile”…e dire che stavolta abbiamo addirittura vinto un set!! “Han festeggiato come fosse un mondiale vinto”

[Ciclismo su pista] Oro alla Cina!!! Cioè anche per la velocità a squadre femminile, ma noi ci riferiamo a quello per il miglior casco!

Sprint!

Sprint!

[Sollevamento Pesi] Arrivano echi di un oro per la Corea del Nord, 75 kg femminile: Alleluja!

[Tuffi] Dalla TV per fortuna il fetore non si sente. Qualificazioni per il trampolino da 3 metri: le cinesi malissimo per il loro standard, seconda e terza. Tania è quarta. La canadese Abel prima. L’altra nostra italiana, la Marconi per ora prima delle riserve. Domani (oggi per chi legge) semifinali.

[Ciclismo su Pista] 3:50.265….la Gran Bretagna deve battere di nuovo il proprio record del mondo fatto pochi minuti prima per vincere l’oro, con l’Australia che sta davanti per quasi tutta la corsa. Finale pazzesca.

[Vela] Aggiornamento dopo le regate di oggi, questi i piazzamenti delle nostre imbarcazioni sino a questo momento:

  • Nacra17 – Bissaro/Sicouri (6 race su 12): 10, 12, 3, 3, 3, 7 (lotta per il podio)
  • RS:X F – Tartaglini (12 su 12): 12, 1, 5, 1, 1, 4, 1, 12, 10, 10, 5, 6 = qualificata per la Medal Race (domenica)
  • RS:X M – Camboni (12 su 12): 11, 13, 4, 37, 37, 9, 10, 21, 3, 3, 5, 1 = qualificato per la Medal Race (domenica)
  • 470 F – Berta/Sinno (5 su 10): 13, 19, 16 14, 8 (lotta per entrare nei 10)
  • Finn – Poggi (6 su 10): 11, 4, 16, 11, 18, 15 (lotta per entrare nei 10)
  • Laser Radial – Zennaro (8 su 10): 10, 24, 23, 18, 15, 21, 16, 16 (top 10 lontana)
  • Laser – Marrai (8 su 10): 39, 11, 18, 5, 22, 11, 5, 1 (lotta per entrare nei 10)
  • 49er M – Tita/Zucchetti (2 su 12): 7, 20
  • 49er F – Conti/Clapcich (2 su 12): 3, 7

La Tartaglini si difende, ma la classifica è molto stretta, tra prima e sesta ci sono 5 punti. La nostra è seconda ad un punto dalla prima, due punti dalla terza e 4 punti dalle tre quarte appaiate. Con i doppi punteggi della Medal Race è tutto in discussione.

Nell’RS:X maschile Camboni ha avuto una giornata dominante (3, 5, 1 i piazzamenti) grazie alla quale è riuscito a rientrare nei 10. Le medaglie sono matematicamente impossibili, ma già questo è un bellissimo risultato per il 20enne italiano. La chiamano Medal Race, ma qua di medal domenica avrà ben poco: categoria dominata dall’olandese Van Rijsselberghe già sicuro dell’oro. Idem per l’argento, già di Nick Dempsey.

Queste le uniche categorie che hanno finito le regate prima della Medal Race. Nel resto si registra un’ottima giornata del Laser con Marrai che guadagna posizioni in ottica top10. Buon debutto del 49er F, ma lì siamo solo all’inizio.

[Badminton] Forza Jeanine Cognini!! Aspettando il suo match esplode la discussione sul commentatore RAI: “ho trovato una notizia curiosa” il mago di Google (cit.). “Mi piacerebbe editare le voci di Wikipedia degli sport minori con nozioni inventate a caso per vederle finire in telecronaca”. “Questo usciva volontario a tutte le interrogazioni”, “e poi prendeva 4”.

[Sollevamento Pesi] I tempi che di slancio si faceva attorno ai 90 kg, ora siamo già al doppio.

[Badminton] Il match precedente si dilunga e il telecronista si sta sparando tutte le cartucce preparate, anche la poesia di Guido Gozzano, “L’amica di nonna Speranza”: Oimè! Chè giocando, un volano, troppo respinto all’assalto, non più ridiscese dall’alto dei rami d’un ippocastano!

[Badminton e Tennis] E quando inizia la partita della nostra….gli tolgono la linea per darla al doppio misto di tennis. I due match proseguono di pari passo, nel senso che in entrambi i campi subiamo punti su punti. “La Cicognini fa fatica negli allunghi sotto rete”, siamo già esperti….che redazione poliedrica! Tutto come prevedibile comunque: coreana troppo forte, nonostante il telecronista fosse preparatissimo. “La coreana manco è sudata”, impietosi. Più fattibile il match di domani (oggi per chi legge, alle 20.30) contro la turca Bayrak, che comunque potrebbe non bastare per qualificarsi. Ma si sapeva.

[Tennis] Con l’uscita del misto Fognini-Vinci finisce il tennis italiano a Rio, l’altro ha già iniziato ad assegnare le medaglie, in particolare quella del doppio maschile vede vincere in una finale tiratissima il duo Marc Lopez – Rafa Nadal al terzo set, dopo essere stati sotto anche di un break. Per Nadal è il secondo oro olimpico, dopo quello nel singolare a Pechino 2008.

[Basket] Gli USA se la rischiano anche contro la Serbia, anzi più di quanto visto con l’Australia. Qualche difficoltà di troppo, poi la RAI ha interrotto tutto (proprio su QUESTA azione, tempismo perfetto). Comunque canestro allo scadere per pareggiare della Serbia: non va.

[Sollevamento Pesi] Anche stanotte un record del mondo, nel peso complessivo, grazie al quale l’iraniano Rostami vince l’oro. Sul podio anche una nazione europea (Romania) non capita così spesso, specie per quelle interamente nel nostro continente.

Rostami world record (da espn.com)

Rostami world record (da espn.com)

[Atletica]

Temiamo il passaggio di testimone tra nuoto e atletica nelle interviste post gara. Noi siamo già pronti “eccolo Galvan in una infausta corsia 1, ha già la scusa pronta”, invece ci sorprende, non è colpa della corsia, ma di una borsite al tendine. Dai, ci sta. Ma ci riproverà sui 200. Tilli ci informa che si è allenato con Bolt e lo batte nei primi 20 metri. Basterà rendere i 20 metri specialità olimpica.

Forse su tempi non stratosferici, ma dalle batterie dei 400 i nomi più in palla sono sempre quelli: LeShawn Merritt, Isaac Makwala, Kirani James e soprattutto Wayde Van Niekerk, occhio anche a Luguelin Santos.

Emozionante gara del lancio del peso femminile. Valerie Adams non riesce a ripetersi per la terza volta consecutiva come campionessa olimpica, ma sembrava tutto apparecchiato per la tripletta: unica ad andare sopra i 20 metri con il suo secondo lancio (20.42) per quasi tutta la gara. Gli ultimi tre lanci iniziano con questo podio: Marton 19.39 (parimisura con la cinese Gong, ma migliore seconda misura), Carter 19.87, Adams 20.42. L’ungherese Marton dopo aver tirato un sospiro di sollievo per il 19.35 della Saunders poco prima, tira consapevole di aver vinto almeno il bronzo e fa…19.87!! Stessa misura della Carter per l’argento, ma seconda misura inferiore: resta terza. Va in pedana proprio la Carter e….boooom….20.63, primo posto all’ultimo tentativo, dopo una serie di risultati molto solidi: la zampata finale. Adams va al tentativo finale, potrebbe essere scarica, invece no, sale di nuovo sopra i 20 metri, ma è “solo” 20.39 e non basta.

Batterie dei 100m femminili (quelli maschili iniziano domani), ovviamente le big tutte in controllo, una sola donna sotto gli 11, la Fraser-Pryce, sette sopra i 12:

100m femminili

[Nuoto]

Hosszu e Phelps restano qualcosa di diverso per poter essere associati agli umani, ma comunque possono anche perdere. Katie Ledecky no, non può perdere: letteralmente. Non ha mai perso una finale individuale internazionale.

Erano 12 le migliori prestazioni mondiali, adesso sono 13 perché la Ledecky aggiorna anche il record del mondo, le altre arrivano a più di 11 secondi di distanza. Sta rivoluzionando il mondo del nuoto femminile.

E per battere Phelps c’è stato bisogno del record olimpico da parte di Schooling, ovvero la prima medaglia d’oro olimpica nella storia di Singapore, in ogni sport. Prima di lui solo 2 argenti ed un bronzo. Potrà raccontare di aver battuto Phelps nell’ultima gara individuale olimpica della sua carriera….a meno che…..non si presenterà anche a Tokyo 2020.

Ah…il podio “station wagon” (cit.) dei 100 farfalla: in 3 (e che 3!!) per l’argento.

IMG-20160813-WA0001

Phelps, LeClos, Cseh! Tris di secondi

La “lady di ferro” invece arriva seconda per solo 6 centesimi sulla Dirado.

A 35 anni, a 16 di distanza dall’altro oro olimpico, dopo il ritiro nel 2003: Anthony Ervin, il tatuatore, di nuovo campione olimpico dei 50m stile libero. Qui la sua storia nel mezzo.

[Beach Volley] Nicolai domina il derby. Finale di partita pazzo, il livello del gioco si alza nel secondo set, ma è un tilt di Carambula che porta la coppia Nicolai-Lupo a 4 match point sul 20-16. Tutti falliti…con Ranghieri che sale in cattedra, anzi i due si giocano anche un set point. Fallito. Finisce con Carambula-Ranghieri che si giocano un challenge disperato e Nicolai-Lupo che aspettano verosimilmente una coppia brasiliana ai quarti: ahia!

[Beach Volley] È stata tribolatissima la vicenda del beach femminile italiano, ma sul campo, una volta iniziata l’Olimpiade, han messo sempre tutto. La gestione della vicenda non è colpa loro, ma guardandosi un po’ in giro i problemi delle singole federazioni italiane sono purtroppo amaramente condivisi.


Le gare che assegneranno medaglie oggi:

  • 15.32 Canottaggio: Singolo M
  • 15.45 Canottaggio: Singolo F
  • 15.50 Atletica: Disco M
  • 16.07 Canottaggio: Otto F
  • 16.27 Canottaggio: Otto M
  • 17.30 Tiro a segno: Pistola 25m M (Mazzetti)
  • 20.00 Tennis: Torneo singolare F
  • 20.25 Tiro a segno: Skeet M (Rossetti, Lodde)
  • 22.14 Ciclismo su Pista: Inseguimento a squadre F
  • 22.33 Ciclismo su Pista: Keirin F
  • 23.15 Scherma: Sciabola a squadre F (Gregorio, Gulotta, Vecchi)
  • 00.00 Sollevamento Pesi: 94kg M
  • 01.53 Atletica: Lungo M
  • 02.27 Atletica: 10.000m M
  • 03.03 Nuoto: 50m stile F
  • 03.11 Nuoto: 1500m stile M (Paltrinieri, Detti)
  • 03.37 Atletica: 1oom F
  • 03.49 Nuoto: 4×100 mista F (Italia)
  • 04.04 Nuoto: 4×100 mista M
  • 04.18 Atletica: Eptathlon F

Potrebbero interessarti anche...

10 Risposte

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: