Winter is coming – Secondo Episodio

Dopo la prima preview eccoci di nuovo qua con il secondo episodio di presentazione della SuperLega UnipolSai 2016/2017. Qui potete trovare qualche buon consiglio per completare le vostre formazioni del fantavolley (se non le avete ancora fatte siete degli sciagurati ma avete comunque tempo fino alle 17:30 di domenica 2 ottobre!) e per farvi un’idea su quali sono i soggetti da sperare di non incontrare mai di notte in qualche vicolo buio. Perciò, ecco a voi le restanti formazioni!

Sir Safety Conad Perugia. Vice-Campioni italiani. Confermata la diagonale serbo-argentina DeCecco-Atanasijević, al centro l’MVP della Sorellanza Simone Buti, il capitano azzurro Emanuele Birarelli e Alessandro Franceschini. Rimane anche il posto 4 americano Aaron Russell. Salutano invece la terra di Don Matteo: Fromm (Gi Group Monza), il giovane Holt (Calzedonia Verona), “non sono alto ma ci credo” Kaliberda (Cucine Lube Civitanova), lo storico libero Andrea Giovi (Calzedonia Verona), Tzioumakas (LPR Piacenza), Elia (Kemas Lamipel Santa Croce) e Fanuli (Top Volley Latina).  Anche qui, però, per grandi nomi che se ne vanno, altrettanto grandi arrivano. Si uniscono alla corazzata dei soprannomi da torneo di calcetto di paese lo Zar, Ivan Zaytsev, in posto 4 e Marko Podrascanin, più quotato al FantaGoT che al FantaVolley. Secondo palleggiatore sarà il serbo Mitic, che, non avendo il fisico di uno a cui piacciono le brioche, non rischierà attriti con il palleggiatore titolare. A rinforzare il reparto bande Alexander Berger da Padova e Dore Della Lunga da Ravenna. Chiudono la lista i liberi Bari e Tosi. In panchina, Gino Sirci conferma coach Boban Kovac. Non bene invece dal punto di vista fashion. Anni e anni di “Ma Come ti Vesti?” e a Perugia non hanno ancora imparato quali sono i colori che aiutano a valorizzare i punti giusti e a nascondere le rotondità. È stato avvistato Luciano infatti, infilato in una maglia bianco ottico con bordi neri, che non abbiamo parole per descrivere se non con “indegna”. Invitiamo lo staff a ripensarci e ad optare per nuance scure e tagli trapezoidali.

Evidente marchetta alla Lindt e non alla cioccolateria di casa. @atanasijevic.aleksandar on Instagram

Evidente marchetta alla Lindt e non alla cioccolateria di casa. @atanasijevic.aleksandar on Instagram

Diatec Trentino. Uno dei sestetti in cui non vedremo molti cambiamenti rispetto alla scorsa stagione è proprio quello di Trento. Sono confermati, infatti, il capitano Filippo Lanza, il regista azzurro Simone Giannelli, lo sloveno Tine Urnaut, al centro Sebastian Solè (somiglianza quasi imbarazzante con Frank Matano) e Simon Van de Voorde e il libero Massimo Colaci. Dopo che Mitar Djuric ha deciso di accettare il vantaggioso contratto di Verona, assicurandosi una fornitura annuale di Valpolicella, ritorna nelle fine trentine l’opposto Stokr. A dispozione della squadra confermati Daniele e Tiziano Mazzone, Gabriele Nelli e Oleg Antonov, che non se la sentiva di scendere a sud, dove le temperature sopra i 10 gradi non sono adatte al suo ecosistema. Un altro ritorno è quello di Burgsthaler, nella scorsa stagione a Milano. A chiudere le fila, dalla B1 arrivano il palleggiatore Blasi e l’esilarante secondo libero Chiappa (non vediamo l’ora faccia il suo esordio, sperando in un match commentato da Andrea Lucchetta). E ad allenare? Niente di meglio che il realizzatore del triplete con Modena nella scorsa stagione, Angelo Lorenzetti, che va a sostituire Radostin Stoytchev. Non sappiamo quale sarà il vestito d’ordinanza per Angelo, ma lo stylist di Trento dovrà impegnarsi moltissimo per battere il completo blu scuro completo di panciotto che aveva sfoggiato Modena. Oltre all’allenatore e all’opposto, se ne vanno anche Bratoev (Espadon Szczecin), De Angelis (Bergamo) e l’amatissimo Matey Kaziyski (Giappone).

Il centrale argentino di Trento mentre giudica i concorrenti di Italia's Got Talent!

Il centrale argentino di Trento mentre giudica i concorrenti di Italia’s Got Talent!

Exprivia Molfetta. Confermato Vincenzo Di Pinto e rivoluzionato quasi tutto il roster. Approfittando forse di una speciale promozione 2×1, lasciano in coppia Hernandez-Hierrezuelo (Piacenza) e Randazzo-Candellaro (Lube), mentre Barone si accasa a Vibo e Fedrizzi a Padova. Anche Spadavecchia, Mariella, Mustedanovic e Kaczynski (che evidentemente in un anno a girare la ruota non è riuscito ad accumulare abbastanza soldi per comprare una vocale) lasciano il bel mare pugliese. Ma a Molfetta si sa, lo splendido pubblico ha bisogno di giocatori dal sangue caliente ed ecco quindi arrivare il palleggiatore brasiliano Thiaguinho ad affiancare il connazionale, confermato, Joao Rafael e il rumeno Olteanu, reduce da una stagione nel campionato carioca. Si aggiunge anche Giulio Sabbi portando di conseguenza il sindaco della città a vietare la vendita di caipirinha per l’intera stagione. Confermati il libero De Pandis, Del Vecchio, Cormio e Porcelli. Dopo aver assaggiato le tipiche cassatine di ricotta, si uniscono a loro Vitelli, Paternio, Hendriks, Polo e Di Martino.

"Tornato a casa" @giuliosabbi on Instagram

“Tornato a casa” @giuliosabbi on Instagram

Kioene Padova. Dopo aver confermato il tecnico Valerio Baldovin con la firma di un contratto biennale, la formazione patavina continua a contare sul suo opposto Giannotti, il centrale Volpato e il giovane libero della nazionale azzurra Under23 Balaso. A disposizione rimangono Averill, Milan e Bassanello. Dovendo dire addio al palleggiatore italo-argentino Santi Orduna, che insieme a Brian Cook si trasferisce alla corte di Roberto Piazza in quel di Modena, nuovo regista sarà l’americano Shaw dalla squadra della Standford University. Secondo di Shaw, Zoppellari dal Club Italia. Dai nostri campionati arrivano, inoltre Fedrizzi da Molfetta e Gozzo dalla squadra di B1 della Valsugana Volley. Approdano in Italia invece Sestan, Koncijlia e Link. Insomma, una squadra di promettenti giovani per cui è aperto il TotoCaduta nel Piovego durante il primo mercoledí universitarioLasciano Prato della Valle oltre ad Orduna e Cook, Diamantini (Vibo Valentia), Berger (Perugia), Lazzareto (Potenza Picena), Leoni (Ravenna), Quiroga (Obras Volley, Argentina) e Gozzo (Motta).

Non abbiamo più Sander in Superlega, ma un altro Taylor che punta al titolo di "Best Baffo".

Non abbiamo più Sander in Superlega, ma un altro Taylor che punta al titolo di “Best Baffo”.

Top Volley Latina. A Latina troviamo una squadra quasi completamente rinnovata, a cominciare dal tecnico che sarà Vincenzo Nacci. Una sicurezza dalla cabina di regia arriva grazie alla conferma del palleggiatore azzurro PasqualeDanieleAnnibalePaolo Sottile. Rimangono anche Maruotti e Rossi. A completare la diagonale l’opposto di tutto rispetto Alessandro Fei, mentre a dar man forte a Maruotti ci sarà Yuki Ishikawa, che ha transitato a Modena due stagioni fa e di cui potete ammirare le prestazioni nel famoso manga giapponese Mila e Shiro (lui è Shiro, ovviamente!). Al centro, da Cuba Quintana Guerra e Carmelo Gitto da Verona. A completare il sestetto il libero Fabio Fanuli da Perugia. A disposizione Pistolesi, Strugar, Klinkenberg e Penchev. Dicono ciao invece Hirsch (Monza), Romiti (Spoleto), Sket (Instanbul), Pavlov (Lokomotiv Novosibirsk), Yosifov (Piacenza), Mattei (Sora), Krumins (Massa) e Ferencias (Pineto).

Direttamente dal giappone, il nuovo schiacciatore di Latina.

Direttamente dal giappone, il nuovo schiacciatore di Latina.

Gi Group Vero Volley Monza. La vera sorpresa di Monza riguarda la panchina: dopo tre stagioni allo Skra Belchatow arriva Miguel Angel Falasca, classe 1973, prima esperienza come coach in Italia e impegnato col doppio incarico sulla panchina della nazionale della Repubblica Ceca. Ringraziamo, prostrandoci ai suoi piedi, Alessandra per averci portato Falasca in Italia, che si contenderà con Giani il titolo di Allenatore Bono 2016/2017. Ma gli acquisti importanti non finiscono qua. Da Perugia e Latina arrivano i colossi tedeschi, lo schiacciatore Fromm e l’opposto Hirsch. In posto 4 arriva il figlio d’arte e giovane talento Donovan Dzavoronok (classe 1997), da Vibo Forni e lo sloveno Terpin. Confermati Jovovic, Botto, Verhees, Rizzo, Daldello, Raic, Galliani, Brunetti e Beretta che, se non andrà dal parrucchiere, entrerà in campo cantando “siamo fuori dal tunnellllelllellll”. Lasciano Monza Renan, Rousseaux, Mercorio, Marcovecchio e Sala.

Superlega, Direttamente dallo Skra Belchatow, il nuovo allenatore di Monza, Miguel Angel Falasca.

Direttamente dallo Skra Belchatow, il nuovo allenatore di Monza, Miguel Angel Falasca.

Tonno Callipo Vibo Valentia. Dopo aver acquistato la licenza per la Superlega, Vibo cambia completamente il roster. Restano nel campionato di A2 Vedovotto, Casoli, Pinelli, Presta e De Paola mentre Forni torna a Monza dopo 4 anni in Calabria. Sardanelli scende di categoria nella CIU CIU Offida Volley, alla quale personalmente faremo vincere il campionato a mani basse solo per il nome.  Allan VERISSIMO (Tutti i colori della cronaca) Silva De Araujo va a giocare, o a fare gossip, al Pafyakos. Restano Michalovic, Marra, Corrado e Maccarone ai quali si aggiungono i brasiliani “Kadu”, Deivid Jr Costa e Thiago Alves. In regia arriva Coscione da Piacenza e il suo secondo Buzzelli dal Mitteldeutschland, stremato da un anno di crauti. Completano la rosa Barone, Geiler, Rejlek, Torchia dalle giovanili e Diamantini da Padova tramite Civitanova, come un pacco postale qualsiasi. In panchina arriva Waldo Kantor e ci sentiamo di suggerire agli amici della Tonno Callipo di non tingersi mai i capelli biondi per festeggiare, che da allenatore a Mago Galbusera il passo è veramente breve. 

Per il nostro fantavolley abbiamo puntato sul centrale di Vibo, Graziano Maccarone.

Per il nostro fantavolley abbiamo puntato sul centrale di Vibo, Graziano Maccarone.

La Sorellanza

La Sorellanza è un'associazione che si impegna nel portare all'attenzione mondiale il volley, soprattutto il trash che c'è dietro. CEO: Luca Vettori.

Potrebbero interessarti anche...

30 Risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *