Winter is coming

Eccoci qua! A pochi giorni dall’inizio della SuperLega UnipolSai 2016/2017 ci sembra doveroso fare il punto della situazione sulle squadre partecipanti. Sono 14 le formazioni che quest’anno si giocheranno lo scudetto e almeno la metà di queste sono in lizza per farci vivere dei playoff emozionanti. Eh già, perché tra partenze di lusso e grandi arrivi facciamo fatica a decidere quale sia la rosa più ignorante della stagione. Perciò eccole qui… e a voi la scelta!

Azimut Modena. L’anno scorso ha vinto tutto quello che si poteva vincere in Italia, anche il premio come miglior grigliatori grazie a quelle buone stelle di Bruno e Lucas. Quest’anno si presenterà sul campo tricolore con lo scudetto sul petto e una rosa notevolmente rivoluzionata. Lasciano il Palapanini il capitano Bruno e Lucas (SESI São Paulo), Thiago Sens (Paris Volley), Milos Nikic (Beşiktaş JK), Alberto Casadei (Lube), Donadio (nuovo team manager gialloblù) e i giovani Soli (Reggio Emilia), Sartoretti junior (Modena Est), Sighinolfi (Castellana Grotte) e Bossi (Ravenna). Anche l’allenatore Angelo Lorenzetti, dopo quattro anni di tigelle e borlenghi, fa le valigie e si trasferisce in quel di Trento, sostituito da Roberto Piazza. In regia arriva l’ex-Padova Santi Orduna e il suo golden retriver Tao, candidato a diventare mascotte della squadra. L’italo-argentino ha dichiarato di non sentire il peso dell’eredità di Bruninho e beato lui. Noi, invece, non l’abbiamo ancora superata del tutto. Ma, a quanto pare, alla società modenese mancava ancora un po’ di ignoranza e allora Maxwell Holt e Kevin LeRoux raggiungono Matteo Piano al centro. Perchè avere un solo centrale biondo quando puoi averne tre?! Massari, Cook e Swan Ngapeth (fratello minore di Earvin e compagno di crimini) in banda, mentre dalle giovanili di casa la Catia e Sartoretti Senior pescano il palleggiatore Salsi e l’opposto Onwuelo (due tra i vincitori della Junior League 2015/2016, il massimo trofeo giovanile, sempre con la maglia di Modena). Confermati captain Petric, Earvin Ngapeth, Rossini, Piano e Vettori.

"La orecchie di Kevin non sono adatte al volo, ma loro non lo sanno e volano lo stesso" semicit.

“La orecchie di Kevin non sono adatte al volo, ma loro non lo sanno e volano lo stesso” semicit.

Cucina Lube Civitanova. Confermato al timone della corazzata marchigiana Chicco Fashion Blogger Blengini che, dopo l’argento di Rio, proverà a proporre come seconda maglia da gioco una polo, per vedere se la storia del colletto alzato ampliata a tutta la squadra riesce a portare più fortuna della scorsa stagione. In regia anche quest’anno lo statunitense Micah Christenson, fresco di matrimonio e di infortunio al menisco del ginocchio destro. In attesa del suo recupero, la società marchigiana punterà sul francese Jaume (ex Tours), con Corvetta che anche per quest’anno farà da vice. Due grandi riconferme in banda, Juantorena reduce da un grande periodo con la nostra nazionale e Cebulj. Confermato anche il libero transalpino Grebennikov, che dovrà vedersela con la gestione degli stranieri in campo. Capitano di tutto rispetto, Dragan Stankovic.  Arriva da Ankara l’oppostone bulgaro Sokolov, che permetterà a Lucchetta di deliziarci con altri divertentissimi giochi di parole derivanti dal suo cognome. Dal nostro campionato arrivano in casa Lube Casadei (Modena), Candellaro (Molfetta) e “non sono alto ma ci credo” Kaliberda (Perugia). Anche due rientri da prestiti: Randazzo (Molfetta) e Pesaresi (Verona). Per altri lidi invece Simone Parodi e la sua nuova avventura con Piacenza, Alessandro Fei che giocherà a Latina, Marco Vitelli in quel di Molfetta e Ivan Miljikovic nuova recluta dell’Halkbank Ankara. Priddy invece si ritira dall’attività agonistica, con i nostri migliori auguri per il futuro. L’addio più straziante per i tifosi della Lube, però, va al centralone serbo Marko Podrascanin che dopo ben 8 stagioni con la maglia della squadra marchigiana si trasferisce nella non lontana Perugia.

"Giù il colletto, ho detto giù"

“Giù il colletto, ho detto giù” zio Chicco docet

Calzedonia Verona. Curiosi di sapere quest’anno quale coro la Maraia Gialloblù prenderà in prestito dalla più assodata tifoseria dell’Hellas, al PalaOlimpia confermano Andrea Giani e (si spera) il completo grigio. Alla corte del Giangio gli ormai veneti di adozione alcolica Aiden Zingel, Simone Anzani, Uroš Kovacević e Michele Baranowicz. Lecat confermato, ma non siamo sicuri abbia superato la prova della Verona da Bere. Dalle giovanili un nome, un programma: il secondo libero Frigo. Ma è nei nuovi acquisti che la società ha superato se stessa. Paolucci da Castellana vice del Bara, il buon Mengozzi da Ravenna e il libero d’eccellenza Andrea Giovi che lascia Perugia dopo anni di onorato servizio. Dallo Zirat Bankasi Ankara arriva Ferreira (delusi che non sia Ferrero) e dal Calcit Kamnik tale Stern. Da Perugia prelevano anche il giovane Holt. Ultimo, ma sicuramente non per ignoranza, l’opposto Mitar Djuric e i suoi bei capelli da Trento. Dato il suo livello di sudorazione, si teme un aumento del tasso di umidità in tutta Verona e provincia. Vanno per altre strade Bucko (Kielce), Gitto (Latina), Bellei (Castellana Grotte), Starovic (Milano), Spirito (Ravenna), Pesaresi (Lube) e Sander (Città del Messico… ah no scusate, Pechino con la “benedizione” di Lucky Lucchetta).

"You say take me home I say Dom Perignon" @urosh_dom on Instagram

“You say take me home I say Dom Perignon” @urosh_dom on Instagram

Bunge Ravenna. Preoccupato di perdere il premio come best piadinari visto il ritorno di Jiri Kovar in campo, il dg Bonitta piazza in panchina Fabio Soli (che l’anno scorso a Sora ha vinto in rimonta i playoff di A2) e gli fa trovare una rosa giovane e di talento. Sbarcano agli happy hour della riviera romagnola gli schiacciatori Simone Calarco, Raffaelli, Grozdanov e Julien Lyneel (prossimo tronista di Maria, altrochè semplice corteggiatore come Matteo Martino). Al centro Elia Bossi (fresco di triplete e di esperienza in grigliate) e Conrad Kaminski. La regia viene affidata al bomber Luca Spirito e Giacomo Leoni. Secondo libero Marchini. Confermati Torres, Fabio Ricci, Van Garderen e il libero Goi. Salpano invece verso altri porti Mengozzi (Verona), Cavanna, Zappoli, Dore Della Lunga e Bari (Perugia), Polo (Molfetta), Koumentakis, Boswinkel e Perini De Aviz.

@spiritino on Instagram

“È troppo giallo” @spiritino on Instagram

Revivre Milano. Alla terza stagione in Superlega e con i soliti problemi relativi al campo di gara (quest’anno la squadra giocherà a Busto Arsizio), coach Luca Monti punta a migliorare il risultato ottenuto lo scorso anno. Conferme importanti: in regia ci sarà per il secondo anno consecutivo il giovanissimo Riccardo Sbertoli, il capitano De Togni e lo schiacciatore bulgaro Todor Skrimov. Due arrivi importanti, l’opposto ex-Verona Sasha Starovic e lo schiacciatore canadese Nicholas Hoag, che spera di lanciare la moda dei baffi sui Navigli. Il reparto centrali viene completato da Tondo e il giovane Galassi, i liberi Cortina e Rudi e lo schiacciatore Nielsen dal Belgio e Galaverna. Via Alletti (Piacenza), Russomanno (Siena), Milushev (Szczecin), Tosi (Perugia), Rivan (Sabaudia), Burgsthaler (Trento), Gavenda (Netzhoppers).

Nicholas Hoag su legavolley.it

Nicholas Hoag su legavolley.it

LPR Piacenza. Dopo anni di “squadra sì, squadra no”, Piacenza si presenta al via della Superlega con intenzioni bellicose. Confermato coach Giuliani (dopo il gran successo avuto con il colletto di Chicco, sarà nostra premura lavorare sulla camicia sbottonata del buon Alberto) e lo zoccolo duro e vecchio (anzi vintage) composto da Zlatanov, Papi e Tencati ai quali si aggiunge Leo Marshall che torna per chiudere la sua carriera pallavolistica con i colori biancorossi. Presa da Molfetta la diagonale cubana Hierrezuelo-Hernandez che da sola basta a coprire il livello di ignoranza per almeno quattro generazioni. Arriva anche Parodi dalla Lube con tanta voglia di riscatto dopo l’ennesimo intervento chirurgico al ginocchio. Confermati Manià e Cottarelli, al centro arrivano Alletti da Milano (più teglie di lasagne per Aimone) e Yosifov da Latina. Completano il roster Tzioumakas e Clevenot. Partono: Coscione (Vibo), Tavares (Tourcoing), Perrin (Asseco Resovia), Patriarca (Siena), Luburic (Skra), Kohut e Ter Horst.

No pezza no party

“No pezza no party”

Biosì Indexa Sora. La neo promossa. Torna su una panchina della massima serie Bruno Bagnoli dopo tre anni lontano dai campi. Squadra rivoluzionata con Fabroni, Mariano, Buzzelli e Festi che restano in A2 fra Siena, Spoleto e Tuscania. Via anche Giglioli (Montecchio Maggiore), Hoogendoorn (Bergamo) e Bacca (Milanehmm… Hydra Latina). Acquistati Gotsev, Seganov, Kalinin e Miskevich, tutti provenienti da campionati esteri, che si aggiungono a Mattei e Corsetti, da Latina e Andria. Confermati Sperandio, Santucci, Marazzo, Lucarelli, Mauti e Mattia Rosso che merita una menzione speciale per essere uno dei fottuti geni ad avere creato il Fantavolley. Arriva anche da Cantù Tiozzo dal quale, dopo essersi presentato all’esordio in A2 con mezza testa rasata, ci attendiamo un’altra grande ignorantata al suo debutto in superlega.

Promossi in Ignoranza

Con delle divise così, promossi di diritto in ignoranza.

Stay hungry, tra pochi giorni pubblicheremo il resto delle squadre!

Superlega, PalaPanini

PalaPanini

Finalmente è arrivato il weekend della Del Monte Supercoppa, organizzato un po’ come si organizza un grigliata della domenica. Per la prima volta con la nuova formula a quattro, al PalaPanini si sfideranno le squadre aventi diritto alla partecipazione alle Coppe Europee. L’Azimut Modena (miglior qualificata per la Champions League) sfiderà la Diatec Trentino (Coppa CEV 2017) mentre le altre due qualificate per la Champions League si affronteranno nell’altra semifinale, la Sir Safety Perugia e la Cucina Lube Civitanova. La nuova stagione inizierà quindi dove la scorsa è finita. Il Tempio del Volley si prepara ad ospitare per il secondo anno consecutivo il primo trofeo della stagione (Gino Sirci manda i suoi più cari saluti ad Emma Marrone). Ecco il calendario del finesettimana. Sabato alle ore 16.00 Azimut Modena – Diatec Trentino, mentre alle ore 18.30 Cucina Lube Civitanova – Sir Safety Perugia. Domenica finalina 3°/4° posto alle ore 14.30 e alle ore 17.30 finalissima, unica partita in diretta su Rai Sport.

Facebook: La Sorellanza
Twitter: @la_sorellanza

La Sorellanza

La Sorellanza è un'associazione che si impegna nel portare all'attenzione mondiale il volley, soprattutto il trash che c'è dietro. CEO: Luca Vettori.

Potrebbero interessarti anche...

41 Risposte

  1. 27 Settembre 2016

    […] Ma rimanete connessi perché tra pochi giorni uscirà la seconda parte della nostra preview Winter is coming! […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *