Intervista a Marcin Held

Questa domenica Marcin Held entrerà per la terza volta in un ottagono UFC. Le prime due volte non è andata come aveva previsto e sono arrivate due sconfitte. Soprattutto l’ultimo incontro ha fatto molto discutere per un verdetto contestato da chiunque abbia visto il match. Ma Marcin non si arrende ed è pronto a incrociare i guantini con Damir Hadzovic in quel di Stoccolma. Sperando questa volta in un risultato diverso.

Nonostante le poche ore che mancano all’inizio dei rituali pre-match, Marcin ha trovato il tempo per rispondere a qualche nostra domanda, cosa di cui lo ringraziamo infinitamente.

Ecco quello che ha da dire:

QCP: Questa domenica affronterai Damir Hadzovic. Lui è un buono striker, hai preparato il match in maniera particolare?

Marcin Held: È vero che Damir è un buono striker ma ho lavorato veramente sodo e mi sono preparato per lui. La mia lotta in piedi sta migliorando sempre di più e sono pronto a combattere in ogni situazione di un incontro di MMA.

QCP: Il tuo ultimo match con Joe Lauzon è finito con un verdetto controverso (per noi hai vinto tu il match). Dopo l’incontro di Gennaio, Joe Lauzon ha pubblicamente rigettato la sua vittoria contro di te, sostenendo che la vittoria fosse tua e chiedendo a Sean Shelby di non rilasciarti. Cosa ne pensi del suo gesto? Hai avuto modo di confrontarti con Lauzon su questo?

MH: Sono stato assolutamente sorpreso quando l’annunciatore ha detto che Joe aveva vinto il match. Questo incontro è stato valutato da 17 giudici in tutto il mondo e 16 hanno mi hanno dato la vittoria mentre solo uno ha dato il pareggio. Io pensavo di aver conquistato sicuramente 2 round. Joe è un grande ragazzo e rispetta le regole del fair play. Apprezzo veramente il fatto che ha sostenuto che avrei dovuto vincere l’incontro e che i giudici hanno commesso un errore.

QCP: Dopo due sconfitte consecutive, il prossimo incontro sarà un punto di svolta nella tua carriera?

MH: Spero che sia così. Stavolta non lascerò l’incontro nelle mani dei giudici.

QCP: Hai avuto un inizio precoce in questo sport e hai già conseguito molti obiettivi importanti durante la tua carriera. Per quanto tempo ancora ti vedi coinvolto negli incontri nella gabbia? C’è qualcosa che ti piacerebbe realizzare prima di appendere i guanti?

MH: C’è ancora molta strada da fare prima di appendere i guanti perché ho ancora molti obiettivi. Penso di essere all’incirca a metà della mia carriera e spero che la seconda metà sarà migliore della prima. Sono sano e mi piace ancora quello che faccio e voglio combattere finché sarò in grado di farlo. Mi piace competere.

QCP: Tu hai avuto una grande carriera in Bellator. Quali sono le più grandi differenze tra Bellator e UFC, in questo momento particolare in cui i lottatori scelgono di andare in altre grandi promotion per non essere più soggetti al regime “dittatoriale” della UFC?

MH: Se vuoi il meglio devi combattere in UFC. Qui ci sono i migliori lottatori. C’è solo un lottatore Bellator dei pesi leggeri che vorrei affrontare, Micheal Chandler. In UFC ho tanti grandi incontri davanti a me.

QCP: Hai combattuto contro Will Brooks per il titolo Bellator dei pesi leggeri nel 2015. Visto il fatto che entrambi ora siete in UFC, saresti interessato a vendicare quella sconfitta?

MH: Certamente mi piacerebbe vendicarmi di lui. Spero che la UFC lo farà un giorno. E stavolta vincerò io.

QCP: Le MMA in Polonia stanno avendo un grande successo da diversi anni. Da dove pensi che provenga questo amore? Cosa ne pensi della KSW? Ti piacerebbe farne parte un giorno?

MH: Penso sia facile innamorarsi delle MMA. Hai solamente bisogno di un organizzazione che le mostri alla gente nel modo corretto. In USA c’è la UFC, in Polonia la KSW fa questo lavoro. Stanno rendendo questo sport enorme in Polonia. Ed è tutto merito loro. Magari un giorno lavorerò con loro dopo la mia avventura americana.

QCP: Il tuo avversario Damir Hadzovic, prima di arrivare in UFC, ha combattuto qui in Italia per Venator FC. Conosci qualche atleta o promotion italiana? Cosa ne pensi della scena delle MMA in Italia?

MH: Conosco Venator FC. Ho alcuni amici in Italia e ci sono stato molte volte. Ho tenuto anche alcuni seminari. Io amo questo paese! Le MMA stanno crescendo velocemente da voi. Spero che Venator FC faccia il lavoro che la UFC e la KSW hanno fatto nei rispettivi paesi.

Un ringraziamento a Domenico per la revisione del testo in inglese

 

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: