NFL in pillole – Wild Card Weekend

4 partite, 4 vittorie delle squadre in casa. Non siamo stati fortunati, sono arrivati giocatori che più che preparare le partite dovevano capire chi fossero i loro “nuovi” compagni.

Poi quando 3 delle 4 squadre in trasferta si presentano con il QB3, Matt Moore e un QB senza un dito il pathos va presto a farsi benedire…

Qualcuno ha un QB a disposizione? Asking for a friend…

Aspetti l’inizio dei playoffs con grande impazienza e ti ritrovi con Texans vs Raiders

Jadeveon Clowney: ti avevamo tanto atteso!

Avete presente un uomo che gioca contro i bambini? Questo a tratti sembrava Clowney, con i bambini che però pesavano oltre 100 kg.

Linguaggio del corpo dei giocatori Raiders che diceva tutto già dalla prima azione della partita: l’avevano già data su!

E comunque Connor Cook non mi è sembrato orribile, ma forse è perché non mi aspettavo nulla?

Brock Osweiler invece …. no, mi fa comunque sempre cagare.

Grande partita offensiva però. Offensiva verso il gioco del football intendo.

Ogni volta siamo qui a dire che i Texans devono migliorare l’attacco e ogni volta trovano il modo di restare fedeli a sé stessi.

Lamar Miller è il secondo RB nella storia dei playoff NFL ad avere più di 30 portate per meno di 75 yard, l’altro a riuscire nell’impresa fu Ray Rice, Super Bowl XLVII. Poi alla fine sia Houston sabato che Baltimore all’epoca vinsero….vuoi vedere che….

Ricordiamo sempre che a questa squadra mancava un certo JJ Watt…

Si, proprio quello che si stava allenando prima della partita in vista del suo recupero…per il prossimo anno!

Coraggio tifosi Raiders però! Cosa può andare peggio di queste ultime partite nel futuro? A parte un’invasione di alieni dico!

La morte, le tasse….e Lions che perdono al wild-card game.

Non avevo mai visto una doppia ricezione, una per mano, come quella fatta da Paul Richardson: casco con una e palla con l’altra…

Fino ad un certo punto i Lions non hanno neanche giocato malaccio, ma hanno commesso veramente troppi errori gratuiti per sperare di riuscire a vincere in casa di una squadra come i Seahawks.

Seattle che però, va detto, non sembra, sia in attacco che in difesa, quella degli anni migliori.

Da una parte ricezioni da urlo, dall’altra drop da urlo, la differenza non è stata tutta lì però sicuramente ha contribuito.

Antonio Brown, ladies and gentlemen.

Terza partita per lui con più di 100 yards after catch: due delle quali contro chi? Proprio i Dolphins.

I Miami Dolphins erano anni che non si qualificavano ai playoff, ma mi sa che non li hanno avvertiti che stavano iniziando.

Poi Pittsburgh ha iniziato a prenderli a botte e quando si sono svegliati….era troppo tardi.

A proposito di sveglie, quella che ha colpito Matt Moore non è stata proprio simpaticissima, ma sono i playoff NFL, quelli simpatici di solito li guardano dal divano.

Vedi giocare LeVeon Bell e pensi “la prossima volta che ti fai beccare per aver fumato una cazzo di canna, vengo lì e ti prendo a ceffoni due per due finché non viene dispari….”

Più di 1000 yard corse nelle ultime 7 partite. Quando si dice “essere in forma”.

Non male per un esordiente (ai playoff) battere un record detenuto da un certo Franco Harris (record registrato nel primo dei 4 SB vinti, ndr).

Che poi, per come si era messa la partita, era proprio necessario panchinarlo dopo VENTINOVE PORTATE?

O tenere Ben Roethlisberger in campo fino all’ultimo drive, tanto da fargli rimediare una botta alla caviglia?

Big Ben che non ha affatto scintillato comunque…

James Harrison, 10 tackle, 1.5 sacks, un forced fumble, 38 anni e 249 giorni. Io farò fatica ad allacciarmi le scarpe da solo, a quell’età.

Si era visto dal pregara che Shazier fosse “leggermente” carico

Risultati immagini per ryan shazier pre game no shirt

Quando il tuo punter entra in campo  per la prima volta nel 4o quarto, sai che hai giocato una buona partita.

Dite che Miami se n’è accorta della differenza tra questi Steelers e quelli della Week6?

Non male il divisional che si giocherà domenica in Missouri, soprattutto per chi non tifa nessuna delle due squadre coinvolte.

Per almeno un tempo la sfida tra Packers e Giants è stata incerta ed interessante. Poi Aaron Rodgers ha deciso che bastava così.

Che poi eravamo tutti così eccitati…anche i giocatori stessi:

Un’idea per il coaching staff di Green Bay: la prossima volta il quarto e corto giocatelo con un hail mary!

Odell Beckham Junior era rimasto sulla barca? Lui non so ma le sue mani può darsi!

Che poi, ok i drop dei ricevitori, ma non è che Eli ha lanciato sempre cioccolatini eh!

Confermato comunque che per il buon Eli Manning o si arriva fino in fondo e si alza il Vince Lombardi Trophy o si esce alla prima botta.

Inizio di gara in cui Rodgers e tutto l’attacco dei Packers sembrava capirci veramente poco, poi l’uscita di Nelson ha dato la scossa e la partita è girata completamente.

L’attacco dei Giants invece in difficoltà era ad inizio in gara e così ha finito senza mai riuscire a dare la svolta.

Per fortuna sabato arrivano i Divisional.

angyair

Tifoso dei 49ers e dei Bulls, ex-calciatore professionista, olimpionico di scherma, tronista a tempo perso, candidato al Nobel e scrittore di best-seller apocrifi. Ah, anche un po' megalomane.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. maxmicio ha detto:

    Quando il tuo punter entra in campo per la prima volta nel 4o quarto, sai che hai giocato una buona partita o che il tuo qb è Matt Barkley…

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: