Road to Bologna

La sede? C’è. Le qualificazioni? Concluse. Le squadre partecipanti? Decise. Top, è ora di preparare lo zaino per il nostro weekend a Bologna. Patria mondiale del tortellino e della mortadella, è proprio la Dotta che ospiterà la due giorni di Final Four della Del Monte Coppa Italia il 28-29 gennaio all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno. Mancano poco meno di due settimane e ci sembra il momento giusto per fare un po’ il punto della situazione.

La corsa per la Coppa è iniziata! By @BECCHIs_STORIES

Concluso il girone di andata di SuperLega, si è delineato il tabellone per le fasi di qualificazioni del primo vero trofeo della stagione. Si, c’è stata la SuperCoppa a settembre ma per quest’ultima ci si qualificava nella scorsa stagione.

Come LegaVolleyChannel e la SuperCoppa, anche questo torneo è entrato nel vortice di rinnovo che ha investito la nostra LegaVolley. Da questa edizione, infatti, sono dodici le squadre che hanno potuto disputare i match di qualificazione alle semifinali di Coppa Italia. Le formazioni che si sono classificate dal quinto al dodicesimo posto nel girone d’andata di SuperLega si sono giocate gli ottavi di finali a dicembre e, ad attendere le vincitrici ai quarti, c’erano le prime quattro classificate. Tutte le partite sono state “secche” e disputate in casa della squadra che si è posizionata meglio in classifica nel girone d’andata. Tra sorprese e conferme, le pedine sono ormai posizionate ed è iniziato il countdown. Sorprese perchè nei quarti di finale c’è stata un’eliminazione di lusso (visti tutti i soldi sganciati dal loro presidente quest’estate). Conferme, tra le altre cose, per il solito borbottio dovuto alle scelte della Lega riguardanti le partite di qualificazione date in diretta. Una, Lube-Vibo, su otto.

La Cucine Lube Civitanova si conferma prima della classe e, sulla Firebolt di Tsvetan ViktorKrum Sokolov, vola a Bologna per giocarsi la sua settima Final Four consecutiva. La vittoria manca dal 2009 ma la formazione di zio Chicco dimostra ancora una volta il suo ottimo stato di forma, nonostante il rischio bronchite dopo l’allenamento in pantaloncini sotto la neve, battendo 3-0 la Tonno Callipo Vibo Valentia nei quarti di finale. Vibo che, nel primo turno, aveva battuto la Kioene Padova. Recuperato Kovar (“la vacca che guarda il treno” cit. Break Point) sono diminuiti i problemi della società marchigiana riguardanti il numero minimo di italiani in campo e, tenendo in panchina uno dei liberi più forti al mondo, si conferma la squadra da battere.

@tsvetan_sokolov su Instagram

Pochi, pochissimi problemi per la Diatec Trentino che si qualifica per la Final Four battendo la Gi Group Monza in poco più di un’oretta. Sarà la decima partecipazione per i trentini. Monza era arrivata al PalaTrento dopo aver sconfitto la Bunge Ravenna negli ottavi di finale e dopo aver creato problemi a diverse squadre nei match di SuperLega. Ma i ragazzi di coach Lorenzetti, che per questa partita ritrovava anche Nelli e Mazzone dopo i rispettivi infortuni, guidati come sempre da un ottimo Simone Giannelli, hanno saputo reggere la tensione del primo match da dentro e fuori stagionale e hanno messo in angolo la Gi Group in tutti i fondamentali. Angelo Lorenzetti sa bene come si fa a vincere una Coppa Italia e pure la Diatec che si è giocata quattro delle ultime cinque finali del torneo.

Una mela al giorno toglierà Modena di torno? Ph. Diatec Trentino

Anche i campioni in carica dell’Azimut Modena da due stagioni consecutive staccano il biglietto per l’Unipol Arena. Nonostante un momento non proprio splendido, i ragazzi di coach Piazza confermano la loro tenuta mentale nei match che contano e, con un secco 3-0, battono Sora nei quarti di finale. Al PalaPanini una vittoria così netta (nonostante un secondo set durato quasi quanto l’intera Trento-Monza) non si vedeva da un po’. La Biosì Indexa Sora arrivava in terra modenese dopo aver battuto Verona negli ottavi di finale ma come fanalino di coda della SuperLega e i problemi di Modena con le piccole li conosciamo tutti. Ma questa vittoria di capitan Petric&compagni può essere un buon punto di partenza per cancellare i fantasmi psicologici che hanno tormentato i gialloblù in quest’ultimo mese. In semifinale l’Azimut affronterà la Diatec Trentino per quello che sta diventando El Clásico de noi altri.

I campioni in carica dopo il match di qualificazione. Ph Modena Volley

Ultima semifinalista è l’LPR Piacenza. Eh si carissimo, proprio Piacenza. Sotto di due set è riuscita, in casa della Sir, a recuperare e a vincere una partita al cardiopalma che ha escluso Perugia dalle magnifiche quattro. Grande sorpresa per l’esclusione di De Cecco e compagni ma non per la prova di forza di Piacenza. Gli uomini di Giuliani si erano giocati in casa gli ottavi di finale, battendo 3-1 l’Exprivia Molfetta e conquistando così l’accesso ai quarti di finale in casa della Sir Safety. Dopo due ore abbondanti di gioco, con la convinzione di Hernandez ed una rimonta da far saltare sul divano persino Claudio Galli, Piacenza è riuscita ad imporsi sui padroni di casa. Perugia non perdeva da quattordici gare consecutive e lo fa proprio in casa, di fronte al suo pubblico, nella prima gara ad eliminazione diretta di questa stagione. Proprio Perugia che, sulla carta, ha forse la formazione più forte del nostro campionato. Ma, come questo match ha dimostrato, c’è un problema di testa e di costanza in una società che ha investito tanto ma non ha raccolto praticamente nulla, se non qualche finale, poi persa. Piacenza si giocherà il posto in finalissima con i campioni d’inverno della Cucine Lube Civitanova.

“Un caffè, grazie, amaro come una partita persa al tie da 2-0 sopra.”

L’appuntamento è quindi all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno (Bologna) il 28 e il 29 gennaio, dove verrà incoronata la vincitrice. Il sabato si giocheranno le semifinali: alle 15.30 Cucine Lube Civitanova-LPR Piacenza e alle 18 Azimut Modena-Diatec Trentino. La finale si giocherà domenica alle 17.30. Ricordiamo anche che il 29 alle 14.00 si giocherà anche la finale della Coppa Italia di A2 Emma Villas Siena-Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania. I biglietti sono disponibili su BookingShow. Per quelli che non riusciranno ad essere presenti, la Rai assicura la diretta di tutte le gare, eccezione fatta per la finale di Coppa Italia A2 che sarà visibile solo su LegaVolleyChannel.

Modena, campione in carica, proverà a difendere la Coppa che hanno conquistato sia nella stagione 2015/2016 che in quella 2014/2015 battendo, in entrambe le occasioni, Trento. Nella stagione 2013/2014 era stata vinta da Piacenza. Riuscirà il talismano Vettori a stringere di nuovo la coppa per il quarto anno consecutivo? Riuscirà Modena a confermare il “non c’è due senza tre”? O lo confermerà Angelo Lorenzetti? La Lube tornerà a vincere dopo tre anni o Piacenza riuscirà a portare a termine la sua cavalcata?

Non ci resta che aspettare quasi due settimane. Dodici giorni. Duecentoottantotto ore. Diciassettemiladuecentottanta minuti.

La Sorellanza

Twitter: @la_sorellanza e @BECCHIs_STORIES

Facebook: LaSorellanza

La Sorellanza

La Sorellanza è un'associazione che si impegna nel portare all'attenzione mondiale il volley, soprattutto il trash che c'è dietro. CEO: Luca Vettori.

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Tutti a Bologna CONSAPEVOLIIII!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: