Categoria: Ciclismo

1

Giro d’Italia 2018 – I partecipanti

Questo Giro d’Italia sarà il primo Grande Giro con le nuove norme sul numero dei partecipanti introdotte proprio quest’anno: sempre 22 squadre (di cui 18 World Tour) ma con 8 iscritti ciascuna e non più 9. Nel complesso quindi un gruppo leggermente meno numeroso (e quindi si spera un po’ meno caos ed incidenti) e tattiche di squadra che potranno contare di una pedina in meno (e quindi si spera gare meno bloccate e più spettacolari). Le 4 invitate, tutte ProContinental, sono la Androni (vincente Ciclismo Cup 2018), la Bardiani, la Willier Triestina e la Isreal Cycling Academy. Rispetto all’anno...

0

Liegi Bastogne Liegi 2018 – Preview

Uno dei giorni più tristi dell’anno, quello in cui si chiude la stagione delle Classiche. Certo si apre quella dei Grandi Giri, che schifo non fa, ma quel misto di incoscienza, coraggio e imprevedibilità che contraddistingue le gare di un giorno in primavera difficilmente si ritrova altrove. È il momento della Liegi-Bastogne-Liegi: 260 km di colli su strade complicate dove servono motore, bike handling, tempismo, fondo e un po’ di fortuna. Questa è la Doyenne, la decana, la più antica tra tutte le Classiche. E speriamo che sia un po’ più divertente degli ultimi anni. Percorso Il profilo è identico a...

0

Parigi Roubaix 2018 – Preview

Il momento più dolce dell’anno, e forse anche il più triste. Da settimana prossima si comincia a pensare alle Ardenne, ai Grandi Giri, ma domenica c’è solo lei, la regina, la Parigi – Roubaix, a chiudere il periodo più bello per ogni amante del ciclismo. Questa è una corsa a parte, una corsa dove se fori a 100 km dal traguardo dentro la foresta di Arenberg può anche darsi che non rientri più. Al Fiandre quasi sempre vince il più forte, perché dai e dai, su quei muri le gambe alla fine fanno la differenza. Alla Roubaix, invece, basta un...

0

Giro delle Fiandre 2018 – Preview

Benvenuti alla 102esima edizione della Ronde Van Vlaanderen, una di quelle corse che può definire una carriera. Una gara dura, spettacolare, talvolta anche angosciante. Non sai mai cosa può succedere là davanti, ed è per questo che se vuoi vincerla devi starci tu, davanti, magari anche per 100 km. Il Fiandre è una corsa meritocratica, forse più di qualsiasi altra classica su pietre: vince quasi sempre il più forte, e se non hai gambe arrivi lontanissimo dai primi. Finora nel 2018 i più forti son quasi sempre stati i Quickstep, che dopo la Kuurne hanno completamente svoltato, lasciando le briciole...

0

L’ha vinta!! L’ha vinta davvero!!!

Scrivo qualche riga a caldo perché il ciclismo sa veramente emozionare e quindi questa impresa di Vincenzo Nibali, vittorioso alla Milano-Sanremo, merita di essere fermata in qualche modo, messa nero su bianco. Chi scrive non ha mai apprezzato alcune uscite di Nibali a livello stampa, chiaramente son gusti, ma il ciclismo è più grande, trovarsi ad urlare alla TV “l’ha vinta!! L’ha vinta davvero!!” senza freni non ha prezzo. La fatica che fanno tutti, dal primo all’ultimo, da quello che vince a quello che si schianta sullo spartitraffico (Cavendish, tu sei matto…), finisce per appiattire molte antipatie o quanto meno...

0

Milano Sanremo 2018 – Preview

Se c’è una cosa che ci ha insegnato il 2017 è che anche la Sanremo può esser vinta attaccando. Certo, fino al Poggio è sempre più o meno la stessa corsa: fuga senza speranze in partenza, un bel tratto di costa ligure e qualche attacco tra Capi e Cipressa. Però a quel punto nulla è scontato, se c’è un marziano come Sagan che apre il gas, provaci tu ad andargli dietro. La Sanremo è una corsa democratica, perché dà una chance a tutti: dal velocista col grande motore, al finisseur che fa la sparata nel finale, passando per il discesista...

0

Il Ciclismo 2018

Son 4 mesi che aspettate. Che poi magari facevate anche finta di niente: vi siete trovati un hobby, tipo la coltivazione della manioca o la pesca di frodo, e avete messo tante belle fotine su Instagram. Un sacco di sorrisi, ma dentro stavate morendo, perché senza le due ruote non riuscite a stare. E allora benvenuti al Ciclismo 2018, uno di quegli anni che tra un po’ di tempo potrebbe essere ricordato come quello in cui è cambiato tutto. Allacciate il caschetto, tra poco si parte. Grandi Giri Il 2018 sarà il primo anno senza il Pistolero, il più divertente...

0

Sagan davanti e dietro (a traino?) tutti quanti

Per Peter Sagan ormai bisogna scomodare la pornografia, perché anche con lui si gode, un campione che va al di là della bandiera. Pur in una stagione strana, meno dominata rispetto a quanto ormai ci ha abituato, monca per la squalifica subita al Tour de France, la sensazione di aver di fronte il ciclista più forte degli ultimi 15? 30? anni (ditecelo voi…) è sempre più nitida. Chiaramente il mondo del ciclismo è talmente eterogeneo che si fa fatica a paragonare corridori molto diversi tra loro seppur contemporanei, ma questa è una sensazione che va al di là di tutto...

0

Vuelta a Espana 2017 – Fine corsa

La Vuelta 2017 ci ha consegnato l’impresa storica messa a segno da Chris Froome: da quando nel 1995 la corsa spagnola s’è spostata ad agosto/settembre, nessuno aveva conquistato Tour e Vuelta nello stesso anno. E prima solo Anquetil (1963) ed Hinault (1978) avevano accoppiato le due corse. Froome vince finalmente questo GT dopo averlo sfiorato in altre tre occasioni, dominando nella prima settimana, difendendosi nella seconda, mettendo in cascina un po’ di fieno con la crono e finendo per marcare il suo unico rivale rimasto (Vincenzo Nibali) nella terza. Porta a casa anche la maglia a punti, difesa con una volata...

0

Vuelta a Espana 2017 – Rush finale

Mancano sei tappe alla fine della Vuelta 2017 ed a guardare solo la classifica tutto sembra ancora aperto: in sei sono dentro i 3 minuti di distacco, quattro di essi in lista almeno per salire sul podio sono divisi al massimo da 43 secondi. Ci aspettavamo una seconda settimana che dilatasse i distacchi, così non è stato: un po’ di carte si sono mescolate, ma paragonando le due classifiche generali, quella di lunedì scorso e quella di oggi si nota questo: Froome ha avuto una seconda settimana molto solida: per prima cosa, la più importante, ha sostanzialmente mantenuto il distacco...