Taggato: Diego Armando Maradona

Sua sobrietà Maradona 0

Diario Russia 2018 – day 13: biscotti e farine

I nostri lettori affezionati sanno già di cosa si tratta, ma per i nuovi arrivati o per i più smemorati, il diario non è nient’altro che una raccolta quasi random di commenti nostri (di ragazzi ormai cresciuti che straparlano su una chat di whatsapp), per di più anonimi, riportati così come sono usciti, registrati durante le partite/eventi. A questi andremo ad aggiungere quanto di più interessante troviamo sui nostri social (in questo caso riportando sempre la fonte, non siamo mica calciatori ignoranti o come si chiamano?!) Al mondiale ci sono due tipi di “ultime giornate”, quelle da “chi vince passa”...

0

Diario Russia 2018: day 3 – Vietato fumare

I nostri lettori affezionati sanno già di cosa si tratta, ma per i nuovi arrivati o per i più smemorati, il diario non è nient’altro che una raccolta quasi random di commenti nostri (di ragazzi ormai cresciuti che straparlano su una chat di whatsapp), per di più anonimi, riportati così come sono usciti, registrati durante le partite/eventi. A questi andremo ad aggiungere quanto di più interessante troviamo sui nostri social (in questo caso riportando sempre la fonte, non siamo mica calciatori ignoranti o come si chiamano?!) Si parte con Francia – Australia, ma alle 12 non è semplice insultare i...

16

NBA Finals – Parallelismi pericolosi

11 Disse ancora: «Un uomo aveva due figli. 12 Il più giovane disse al padre: Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta. E il padre divise tra loro le sostanze. 13 Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto. 14 Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno. 15 Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare...

18

Il peggiore di tutti – Maradona vs Rodriguez (2° tempo)

Rieccoci per il secondo tempo del match tra Diego Armando Maradona e Alex Rodriguez (qui trovate il primo tempo, ndr). E voliamo nel 1994 senza perdere ulteriore tempo (per quello ci penseremo quando sarà l’ora di scrivere il prossimo pezzo). Maradona a 33 anni è tornato a vestire la divisa della nazionale argentina dopo i problemi per droga che avevano sancito la sua prima squalifica ne 1991 e l’addio al Napoli l’anno successivo. Ha assunto un culturista come dietologo e allenatore. In pochi mesi perde 14 chili, mettendo su anche un bel po’ di muscoli. E all’apertura dei mondiali si presenta in...

21

Il peggiore di tutti – Maradona vs Rodriguez (1° tempo)


Notice: class-oembed.php è deprecata dalla versione 5.3.0! Utilizzare al suo posto wp-includes/class-wp-oembed.php. in /home/mhd-01/www.quelchepassalosport.it/htdocs/wp-includes/functions.php on line 4802

[NDR: Questo non scrive per due anni due. Poi si sveglia e nessuno lo riesce a fermare fino al prossimo black out. Il problema è che ha scritto troppo, per cui siamo costretti a dividere in due tempi la sfida tra Diego Armando Maradona e Alex Rodriguez per non pubblicare un articolo lungo un’eternità e passa. Oggi quindi potete leggere la prima parte e settimana prossima, se ne avrete voglia, potrete godervi il finale di partita]. Il vantaggio di non rispettare mai i termini di consegna è che si ha sempre nuovo materiale da utilizzare, lo svantaggio è che poi...

6

Fifagate, breve storia di democrazia e palloni sgonfiati

Esiste al mondo una storia più brutta e terrorizzante di una fiaba in cui il lupo Ezechiele, alla fine, si mangia i tre porcellini? Una favola peggiore di quella in cui Cappuccetto Rosso viene spazzata via da una raffica di AK47 del cacciatore che in realtà è un reduce russo della guerra in Afghanistan e il cadavere di Biancaneve deperisce di fronte ad inermi nani in attesa di un principe azzurro che si è giocato il regno al videopoker? Sì, esiste, ed è quella in cui tutti i bambini del mondo sopravvivono ad ogni bruttura ma vedono morire i loro...

5

Weekend in pillole extralarge – Dalla gita a Carpi a Valentino Maradona

È stato un weekend pieno di sport, anzi di ogni sport, tant’è che a Sky hanno creduto bene di tartassarci ad ogni ora e con ogni mezzo circa l’importanza del MySky, c’era addirittura chi suggeriva (Leopizzi, che è vivo e lotta assieme ai titoli dei giornali la mattina presto) di registrare il golf e la motogp e vedere il derby, se ci avete provato a farlo vi sarà uscito Caressa ad urlarvi la spiegazione in stile “effetto Magnus”, che non puoi registrare due cose in contemporanea e vederne una terza. Insomma non ci credevano nemmeno loro così tanto in questo...

3

Quale futuro per Re Roger?

E’ questo l’interrogativo che scuote migliaia di appassionati di tennis da qualche tempo a questa parte. C’è chi se lo domandò già nel 2011, il primo anno dal 2002, che Federer concluse senza alcun titolo dello slam. C’è chi iniziò a chiederselo dopo il torneo di Wimbledon dello scorso anno, dove dopo aver eguagliato Sampras con sette centri sull’erba dell’All England Club qualcuno dubitava che Roger potesse avere di nuovo stimoli per lottare per altri importanti traguardi. Poi c’è chi invece questa domanda ha iniziato a porsela solo qualche settimana fa. Si perché, se la sconfitta al secondo turno a...

13

Il peggiore di tutti

Ebbene sì un’altra classifica virtuale. Questa volta però non celebriamo l’atleta migliore di una determinata disciplina o il migliore in assoluto, la squadra del secolo o il più grande gesto atletico della storia. Cerchiamo, invece, il peggiore sportivo di sempre. Chiariamoci non si parla di quello più scarso. Per quanto mediocre un professionista è pur sempre un atleta superiore alla media. Qui si discute di etica e morale. La nostra gara virtuale, infatti, si occupa di quelli che hanno utilizzato qualsiasi mezzo pur di vincere, persino violare la legge; quelli che prendono il giuramento olimpico di De Coubertin, lo usano...