Taggato: Mikel Landa

0

Tour de France 2018 – I Partecipanti

Il ciclismo non è nuovo a vigilie turbolente per i suoi partecipanti, anche se negli ultimi anni queste spiacevoli attese erano andata un po’ a diradarsi. La vicenda Froome-UCI-WADA-ASO ha vissuto giornate caldissime ad inizio di questa settimane e non c’è niente di più distante dal “tutto è bene, ciò che finisce bene”, perché al di là di tutto, pare che ne escano da sconfitti tutti: Froome che avrà un ambiente ancor più invivibile ad attenderlo, l’UCI che come al solito sembra non contare nulla, quando dovrebbe essere quella che conta di più, la WADA che assolve ma in definitiva...

0

Che Tour de France 2017 è stato?

Le aspettative non erano altissime. Tutto sommato ci sono state belle tappe, anche se poche, anzi pochissime, hanno visto differenze tra i big, i quali più che altro sono stati presi per stanchezza nella terza settimana dove pur senza distacchi abnormi alcune posizioni si sono piano piano delineate. È stato un Tour sulla falsariga del Giro di quest’anno, poco terreno dove fare la differenza e soprattutto poca differenza tra i big. Un Tour come spettacolarità almeno migliore di quello dell’anno scorso, ma era difficile far peggio. Un Tour piatto, vinto da un Froome che non ha dovuto nemmeno inventarsi chissà...

0

Giro 100 – I partecipanti

Vi abbiamo presentato il percorso, tappa per tappa, oggi andiamo a scoprire, squadra per squadra, chi saranno i protagonisti lungo la strada che porta a Milano, conclusione naturale della centesima edizione del Giro d’Italia. PS. Ricordatevi di mandarci o sui social (Twitter @Quelchepassa, post di questo pezzo sulla pagina FB), o nei commenti qua sotto, il vostro podio, i primi tre classificati della classifica generale a Milano. NB. Per una migliore fruizione e consultazione abbiamo deciso di dividere la preview in più pagine, una per squadra, per scorrerle posizionate il mouse qui sotto e cliccate sulle frecce che compaiono lateralmente. [nextpage title=”Bahrain...

Il Lombardia 16

Il Lombardia 2016 – Preview

Domani arriva l’ultima monumento dell’anno, la classica delle foglie morte, quella che nell’immaginario collettivo una volta chiudeva la stagione ciclistica, ma che ormai tra nuovi mercati e nuovi calendari, va già bene se si riposa a dicembre. Quest’anno “Il Lombardia” (una volta conosciuto come il giro di Lombardia) arriva addirittura prima del mondiale, che io ricordi (e ricordo molto poco, ndr) non era mai accaduto, potere del clima frizzante che si trova in Qatar dove il 15 ottobre verrà assegnata la maglia iridata. Ma restiamo al futuro imminente: dopo 3 anni di “esperimento” domenicale, il Lombardia torna a disputarsi di...

48

La pagella di fine Giro

Giugno è periodo di pagelle e questo è il momento in cui si studia come un Leopardi per recuperare quel 6 ed evitarsi gli esami di riparazione. Al Giro invece non si può più recuperare, il gioco è fatto ed è stato un gran gioco, pieno di imprese e sali scendi, ma è finito e ci sono già i promossi e i bocciati. Anche qua ci sono esami di riparazioni sparsi per tutta l’estate e tutto il mondo, si chiamano Tour, Vuelta, Olimpiadi, ecc ecc…ma quelle sono altre storie da raccontare e che vi racconteremo. Ora c’è solo da “capire” che...

11

Giro 2016 – La spallata di “Spalloni”

La prima settimana ci siamo divertiti ma non abbiamo capito nulla della generale. La seconda settimana ci siamo divertiti ancora di più e siamo appesi a qualche speranza che quello che abbiamo visto non sia già definitivo per la conquista della maglia rosa. E la speranza non è una questione di tifo (a noi che vinca Nibali o Kruijswijk o Baliani cambia veramente ben poco, di base), ma piuttosto per mantenere alto l’interesse, il divertimento e il “drama” attorno ad una corsa che decisamente lo merita. Come siamo arrivati a questo punto? La settimana appena trascorsa è sembrata essere una corsa...

Il Colle dell'Agnello, salita decisiva per chi vuole vincere il Giro d'Italia 2016 29

Giro d’Italia 2016 – I Favoriti

Non ci sono tutti i big, anzi a guardar bene non ce n’è quasi nessuno, però è un Giro d’Italia interessante, vuoi perché i vecchi leoni non hanno dato segnali entusiasmanti in quest’ultimo mese, vuoi perché qualche giovane rampante ha dato l’idea di voler venire al Giro per stupire. Di potenziali vincitori ne contiamo una manciata, complice un percorso che richiede capacità di sapersi adattare a tutti i terreni, ma gli outsider (alcuni alla loro prima esperienza con la corsa rosa) paiono piuttosto affamati. E poi tanti velocisti e qualche corridore da classiche che comincia a fiutare il potenziale di...

8

Intervista doppia – Che Vuelta 2015 ci aspettiamo?

Oggi parte la Vuelta a Espana numero 70, l’ultimo tra i Grandi Giri sia come collocazione temporale durante la stagione ciclistica (almeno lo è dal 1995), sia come nascita (per la prima volta si corse nel 1935). In questa settimana abbiamo tolto il velo dal percorso che verrà fatto nelle prossime tre settimane e illustrato i partecipanti principali che verosimilmente daranno vita ad una lotta emozionante come spesso accade sulle rampe spagnole. Ora non ci resta che una piccola chiacchierata introduttiva, attraverso le parole ed i pensieri dei nostri due opinionisti di punta, ovvero Mattia “safebet” Luchetta e Davide “baliani” Cavati (purtroppo Cassani...

14

Vuelta a Espana 2015 – I Favoriti

Il percorso di questa Vuelta sarà anche un po’ schizofrenico, ma il campo partenti è cinque stelle lusso. Ci sono ben 4 precedenti vincitori di Grandi Giri, più innumerevoli podi. Certo, molti dei favoriti arrivano direttamente dal Tour e sono dunque in condizioni di forma da decifrare, ma con così tanti campioni al via lo spettacolo è pressoché assicurato. L’Astana ci arriva addirittura con tre possibili capitani, mentre Sky e Movistar sulla carta appaiono vulnerabili rispetto alle corazzate della Grande Boucle. Come spesso accade alla Vuelta, sarà interessante valutare il rendimento di qualche giovane a cui finalmente viene data la...

2

Elimination game – La seconda settimana del Giro

Per capire il Giro d’Italia sin qui disputato ed in particolar modo la seconda settimana, bisogna far ricorso a reminiscenze della nostra infanzia, quando alle feste si beveva the al limone bello fresco e tra le varie attività ludiche ci si intratteneva con il gioco delle sedie musicali: le regole sono piuttosto semplici, c’è una musica che suona, ci sono un quantitativo di sedie necessarie per far sedere tutti tranne uno, una volta che la musica si ferma bisogna accaparrarsi la sedia più vicina, chi resta in piedi esce dal gioco e si porta via una sedia….e alla fine ne...