CrossFit Games: Ci abbiamo creduto e ci siamo andati vicini

Ammetto di averci creduto.

Iniziamo con la Meridian Region che ha visto impegnati i nostri connazionali. Per la parte femminile Manila Pennacchio parte subito alla grande con un primo giorno che la vede protagonista: sesto posto al primo evento (vinto con record da una ex-nazionale britannica di triathlon) e un fantastico primo posto nel secondo evento che era tutto ghisa e potenza. Il terzo evento lo temeva e lo aveva dichiarato anche sul suo account Instagram per via della parte di camminata sulle mani che, a onor del vero, è stata difficile per tutti gli italiani. Si è ripresa poi nel quarto evento finendo terza e chiudendo la giornata ancora tra le prime quattro. I problemi sono nati nella terza giornata e nello specifico nella parte delle capacità ginniche. Chiude al settimo posto una tre giorni di grande emozione e per questo la ringraziamo. Un plauso anche a Matilde Orlandoni che parte forte con un quinto posto ma poi via via che passano gli eventi scivola verso il diciottesimo posto finale. Vanno a Madison: Jamie Greene, Lauren Fisher, Oddrun Eik Gylfadottir e Stephanie Chung (che passa al tie break contro Alessia Joy Wälchli).

Sul lato maschile Stefano Migliorini chiude undicesimo, più o meno come lo scorso anno; c’è da dire che la sua prestazione ha avuto un crescendo con gli esercizi finali con un quinto e ottavo posto. A 80 punti da lui Fabio Botteghi diciottesimo in classifica generale.

Alla fine dei conti si qualificano ai games:
Rasmus Andersen, Elliot Simmonds, Lukas Esslinger e Willy Georges (primo atleta di nazionalità francese a partecipare ai games).

Jamie Greene e Rasmus Andersen “Photo courtesy of CrossFit Inc.”

La Pacific Region si chiude senza grosse sorprese. Le prime due classificate ai games dello scorso anno passano senza troppe difficoltà rubandosi punti a vicenda. Tia-Clair Toomey è parsa più consistente in tutti gli eventi, mentre Kara Saunders sembrava più a suo agio con le prove di forza. Oltre a loro si confermano: Justine Beath e Madeline Sturt che tornano ai games dopo un anno di assenza. Per la prima volta invece avremo Courtney Haley.

Tra gli uomini sin da subito detta il tempo James Newbury che chiude senza fatica al primo posto. Insieme a lui andranno a Madison i veterani Khan Porter e Zeke Grove; i non considerati rookie Dean Linder-Leighton e Royce Dunne strappano l’accesso rendendosi protagonisti del week-end.

Il podio femminile di Sidney che sara’ protagonista indiscusso ai Games di Agosto“Photo courtesy of CrossFit Inc.”

Tutt’altro che scritta la Atlantic Region. I fratelli Ben e Alec Smith risorgono dal fondo della classifica in cui si erano cacciati il primo giorno. Specialmente Alec dopo due piazzamenti al dodicesimo e diciottesimo posto, infila una bella serie di eventi che lo portano a chiudere quarto. Noah Olsen domina la serie e a chiudere la lista dei qualificati abbiamo l’irsuto John Coltey e la sorpresa Ethan Helbig.

Per le donne non viene mai definita una leadership indiscussa. Le prime cinque hanno solo 100 punti di distacco tra loro a indicare come gli equilibri in gioco fossero veramente stabili. Passano dunque: Cassidy Lance-Mcwherter, Emily Bridgers, Mekenzie Riley, Whitney Gelin e Paige Semenza

I tre fratelli Smith (Ben, Dane e Alec) esultano alla fine dei giochi. Solo due passano ma il più giovane e’ comunque tra i primi dieci.“Photo courtesy of CrossFit Inc.”

Ci risentiamo poco prima di agosto per una preview dei CrossFit Games 2018, da quello che abbiamo visto ai Regionals Matt Fraser ha le carte in regola per dominare la parte maschile, mentre dal lato femminile c’è tanta incertezza con almeno 5 o 6 atlete che se la giocheranno per il primo posto. Per chi volesse rivedere le gare svolte in questi tre week end, sul sito games.crossfit.com sono disponibili e ben indicizzate per poter saltare tra le varie batterie.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: