NFL in pillole – Week 3: Tirane un’altro Fitz


Notice: class-oembed.php è deprecata dalla versione 5.3.0! Utilizzare al suo posto wp-includes/class-wp-oembed.php. in /home/mhd-01/www.quelchepassalosport.it/htdocs/wp-includes/functions.php on line 4802

I Patriots e Belichick in modalità difficoltà “vita reale” a Call of Duty.

Sarebbe il colmo se cominciassero a perdere una volta tornati al completo…

Aspettavo di vederli con ansia ma i Texans mi hanno decisamente deluso, specie in difesa dove la coppia Clowney – Watt prometteva spettacolo.

Il fatto che JJ Watt ha avuto la sua peggior prestazione da professionista contro una squadra allenata da Belichick non è certo un caso.

Come vincere e non essere contenti quasi per niente? Ve lo spiegano i Dolphins che hanno vinto solo perché dall’altra parte c’erano i Browns.

Curioso come i Patriots continuano a firmare ex giocatori che hanno deluso con i Browns (e che poi spesso fanno bene) mentre il contrario non avviene quasi mai. Guardando i risultati non lo diresti, no?!

Cleveland quest’anno ha fatto fumble già 8 volte ma ha perso solo un pallone! Come sempre si dimostrano una squadra molto fortunata. Credo.

Vedete? Basta licenziare l’offensive coordinator per sistemare la difesa, lo dimostrano i Bills.

Che poi l’attacco abbia fatto poco e niente e solo un dettaglio.

I Cardinals sono in versione “rollercoaster extreme”: bisogna essere fortunati nell’incontrarli nella giornata giusta.

Le partite dei Titans sono indecifrabili come un libro di cinese antico per me.

Quelle dei Raiders invece sono semplici: quando gioca bene la difesa l’attacco fatica, quando gioca bene l’attacco la difesa fa acqua da tutte le parti. Alla fine però per adesso il record è positivo e quindi va tutto bene.

I Jaguars trovano sempre un modo diverso per perdere, e sembra proprio che abbiano una fantasia incredibile.

Tra l’altro Blake Bortles sembra continuare sempre a fare gli stessi errori. Ma sempre sempre eh!

Justin Tucker, the next Adam Vinatieri.

Kirk Cousins ha più ricevitori liberi non visti che TD lanciati! Ma questa volta Washington almeno ha vinto.

Ma mettersi contro una rete per l’allenamento per i field goal, puoi fare solo brutta figura, ve lo consiglia Odell Beckham jr.

NFL week 3: Odell Beckham 0 - rete 1

NFL week 3: Odell Beckham 0 – rete 1

Eli Manning stava facendo una stagione da Peyton Manning dei tempi d’oro, poi si è ricordato di essere Eli.

Minchia la difesa dei Vikings!

Com’è possibile che Kelvin Benjamin non ha visto neanche una palla ieri? Ha fregato la ragazza a Cam Newton?

L’ho già detto: minchia la difesa dei Vikings?

Ecco, Siemian ha tirato fuori una di quelle partite che ti fanno pensare possa avere cittadinanza piena nella lega.

Dalton con una di quelle partite che ti fanno pensare che non farà mai il salto definitivo verso i migliori.

Per 29 minuti di gioco Rodgers e i Packers hanno praticamente scherzato i Lions e fatto credere che tutti i problemi fossero alle spalle. Poi qualcuno ha spento l’interruttore e hanno rischiato di essere raggiunti.

Eddie Lacy è in forma. Ma non nella forma dell’anno scorso eh!

Chi ha nostalgia di Megatron quando hai Marvin Jones? Ok ok ho capito, non alzate tutti quanti le mani…

I Rams sopra al 50%? C’è puzza d’imbarcata paurosa alla prossima…

In fin dei conti Winston ha fatto anche una buona partita con più di 400 yard lanciate, ma non penso sia ancora l’ideale mettere tutto il peso della squadra sulle sue spalle.

Per quanto riguarda la gestione del cronometro nell’ultimo drive…sarà stata colpa dei fulmini?

Ci sono partite difficili in trasferta, partite quasi impossibili e poi i viaggi dei 49ers a Seattle stile attraversamento del mediterraneo su un gommone.

Pronti via e in neanche un minuto e mezzo i Seahawks erano in vantaggio 7 a 0 e San Francisco aveva avuto un gioco rotto al primo snap in attacco. Neanche a farlo apposta quasi.

Gli è andata bene a Russell Wilson, ma fossi in Pete Carroll cercherei di tenerlo più al sicuro perché sta rischiando troppo quest’anno.

Dizionario: “Non avere peli sulla lingua”, vedere anche Michael Bennett.

L’inizio degli Eagles è inaspettato ma clamoroso, ma tanto l’ambiente è tranquillo e non si farà prendere da eccessivo entusiasmo no?

Ma non è che dopo l’esordio le difese avversarie hanno già preso le misure all’attacco aereo degli Steelers? È troppo presto per dirlo ma mi sa che è meglio che Bell torni prima di subito.

Lancia ancora Fitzpatrick, senza paura di essere intercettato, non è mica da questi particolari che si giudica un quarterback.

Possiamo iniziare a considerare Marcus Peters un top del ruolo o no? E non solo quando gioca contro Fitzpatrick eh!

Altra partita e altro out for season per i Chargers: questo però pesa di meno perchè Manti Te’o è stato abbastanza impalbabile quando era in campo. E il sostituto (Jatavis Brown) oltre ad un nome meraviglioso ha già fatto più del titolare.

No, non chiedetemi come e perché hanno vinto i Colts, perché non l’ho mica capito.

Non starà al meglio ma ad avercene di quarterback come Andrew Luck

Non basta avere un DC con i controcazzi come Fangio per avere una grande difesa, vero Bears?

Che poi Cutler lo apprezzi maggiormente quando non gioca…

Elliott sta iniziando a carburare…e per gli avversari so’ cazzi!

Dak Prescott sarà pure poco spettacolare ma è molto molto concreto e non fa errori, grande qualità per un rookie.

Pochi scherzi: l’attacco dei Falcons sta girando a meraviglia!

Per la difesa….dai, accontentiamoci dei turnover.

NFL week 3 - Matt Ryan

“Devo bloccare questo energumeno? Ma voi siete matti!”

La difesa dei Saints invece è sempre la difesa dei Saints, anche perché continua a perdere pezzi neanche si fosse in una poesia di Ungaretti.

Con il nuovo formato di playoff nessuna squadra è mai andata ai playoff partendo da 0-3: New Orleans si accontenterebbe anche di qualche infortunio in meno a dir la verità.

Ah, ovviamente le prestazioni della difesa non sono solo colpa degli infortuni eh! Sarebbe sbagliato per loro pensare questo.

Ciao Anthony Davis. Adesso puoi continuare a deliziarci su twitter.

angyair

Tifoso dei 49ers e dei Bulls, ex-calciatore professionista, olimpionico di scherma, tronista a tempo perso, candidato al Nobel e scrittore di best-seller apocrifi. Ah, anche un po' megalomane.

Potrebbero interessarti anche...

10 Risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *