NFL in pillole – week 16: all I want for christmas

Vedere il football durante le feste è bello, trovare il tempo per scrivere le pillole un po’ meno e quindi ci scusiamo per il ritardo di questo pezzo e per il suo contenuto perchè la quantità del cibo ingurgitato ci rende ancora poco lucidi.

E anche questa volta i Colts hanno trovato il modo di perdere una partita che potevano anche vincere: anche a Natale c’è un limite.

C’è sicuramente da fare i complimenti a coach Harbaugh per la stagione dei Ravens, ma l’importante per loro è non pensare che vada tutto bene e pensare già ai miglioramenti da fare per il 2018.

I Packers senza Rodgers sono come i pantaloni senza tasche: inutili.

Case Keenum si sta normalizzando proprio in vista dei playoff? Speriamo di no per i Vikings anche perchè la NFC si sta dimostrando molto agguerrita e neanche il vantaggio del fattore campo permetterà di stare tranquilli.

E comunque la capacità di Keenum di evitare sack che sembrano già fatti rimane misteriosa.

Il modo peggiore di passare la vigilia di Natale? Essere costretti a guardare per ragioni di tifo Jets – Chargers.

Le speranze di playoff per i Chargers non sono svanite, ma i rimpianti per l’inizio segnato da sconfitte evitabilissime e dall’assenza di un kicker affidabile sono sempre di più.

Todd Gurley è il giocatore più amato e odiato dai fanta-giocatori del globo.

I Titans stanno gettando al vento l’occasione di tornare ai playoff, ma così magari si liberano di Mularkey.

Brock Osweiler, leader vero:

Ma io dico: almeno a Natale fatelo sentire meglio no?

Non così Ryan Kerrigan però:

Ai Panthers piace giocare con il fuoco.

A Jameis Winston piace….piace….che c’è Jameis? Babbo Natale non ti ha portato il regalo che volevi?

Drew Brees è diventato il terzo QB della storia a superare le 70000 yards lanciate in carriera dopo Peyton Manning e Brett Favre: che bello averli potuti ammirare tutti e 3.

E pensare che il buon Drew era visto quasi come un bust dopo l’inizio nella lega.

L’importanza di un buon inizio…

Per i Falcons comunque è bene che questo 2017 finisca presto perchè penso ci sia qualcosa che non va nel loro rapporto con la dea bendata…

Arbitare un match di football non è affatto facile, se poi quando fai un’ottima chiamata sul campo c’è qualcuno dal booth review che te le cambia….beh, ti girano e non poco.

Su questa ricezione di Gronk c’è ben poco da obiettare però:

Deion Lewis sta arrivando bello carico a gennaio.

Bengals vs Lions: who cares?

Ma no dai…è Natale, ci vuole un pensiero positivo per tutti…ehi: a fine stagione cambierete entrambe allenatore!

Browns on the clock.

Hue on the door? Hu on door…..H on dor…..Hodor

Browns football porn:

Intanto s’inizia già a speculare su chi possano prendere i Browns con la prima scelta assoluta, e i papabili si preoccupano già.

Hanno riparato i Chiefs? E’ stata sicuramente opera di Babbo Natale:

Mia sa che la domanda “se Cutler avesse fatto bene a tornare dal ritiro?” ha avuto una risposta precisa: No!

All I want for Christmas is Jimmy G!

I Jaguars hanno una difesa molto fisica, ma devono imparare a controllarsi perchè non possono permettersi penalità stupide a gennaio se vogliono fare strada nei playoff.

Oltre a trovare il modo di far lanciare il meno possibile Blake Bortles ovviamente.

A chi pensa che in NFL conviene perdere le ultime partite per avere una scelta migliore al draft mostrare le immagini dell’entusiasmo presente al momento nello spogliatoio dei 49ers.

Russell WIlson: 93 yards lanciate e 2 TD. WTF?

E poi ti senti improvvisamente vecchio:

Passano gli anni ma Drew Stanton riesce ancora a vincere partite di cui non importa niente a nessuno.

Capisco che a Natale si fanno i regali, ma far giocare gli Steelers contro questi Texans non è forse troppo?

E poi ad un tratto lui, DeAndre Hopkins:

Ma qualcuno ha poi capito perchè Houston non voglia schierare un QB? Perchè è una scelta no?

Capisco che a Natale ci si scambi i regali, ma Eagles e Raiders hanno esagerato…

Più che una partita di football ad un certo punto sembrava una puntata di Giochi senza frontiere!

Si, Nick Foles non è Carson Wentz e lo sappiamo tutti, ma secondo me il problema di Philadelphia per i playoffs sarà più la consistenza delle sue prestazioni difensive.

Si perchè non incontrerai sempre questo Derek Carr:

angyair

Tifoso dei 49ers e dei Bulls, ex-calciatore professionista, olimpionico di scherma, tronista a tempo perso, candidato al Nobel e scrittore di best-seller apocrifi. Ah, anche un po' megalomane.

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: