Denver Broncos Training Camp Day 2

So' ragazzi

So’ ragazzi

Dato che ben una quarantina di persone hanno visionato la nostra pagina web superando le previsioni del nostro caporeddatore di 39 contatti, eccoci di nuovo qui a parlare del secondo giorno di allenamento dei Broncos, a cui hanno assistito altre 3412 persone (ma purtroppo non noi, che dobbiamo accontentarci di selezionare quanto osservato da altri…).

training camp day 1 2015_1438375308154_22147861_ver1.0_640_480

Non cercatemi io lì non ci sono.

Oggi si parla del secondo giorno e una notizia supera tutte le altre. Il WR Kyle Williams vecchia conoscenza dei 49ers (ricordato soprattutto per i due fumbles nel championship coi Giants) che è stato a roster anche dei Chiefs si rompe di nuovo e dice addio alle possibilità di fare i 53 e in generale di giocare per tutto il 2015. L’incidente è avvenuto durante alcuni esercizi di punt return. Senza essere toccato si è triturato il tendine d’achille crollando al suolo e riuscendo a uscire dal campo solo grazie a un piccolo cart. Il ragazzo non certo noto per la fortuna aveva perso gli ultimi due anni prima con un infortunio ai legamenti del ginocchio e poi per un infortunio alla spalla. Il suo impegno è fuori discussione, ma il suo corpo sta mandando messaggi chiari sulla sua predisposizione al football. Le prime parole divulgate sono state piuttosto chiare: “Mi spiace perché avevo lavorato fottutamente duro per essere qui…”

i4s_mBNBop

il Kyle Williams che vogliamo rivedere.

Non è mai bello quando uno si infortuna gravemente, ancora peggio è quando capita a uno che ha lottato con i denti per superare già una sfilza di infortuni che basterebbero per un paio di vite. Gli auguriamo maggior fortuna l’anno prossimo, ma i segnali sembrano piuttosto univoci.

Per un WR che dice addio alla squadra uno che sembra essere in rampa di lancio è il rookie undrafted Jordan Taylor che già aveva fatto parlare bene di sé negli OTA (Manning lo lodò per l’impegno e le qualità) sta continuando a inanellare prestazioni positive su prestazioni positive. Ora come ora la practice squad sembra sicura, ma se continuasse così forse anche i 53 sarebbero possibili. Basti dire che Kubiak l’ha citato specificatamente spendendo ottime parole su di lui nella conferenza stampa dopo gli allenamenti: “Una delle cose che lavora a suo favore è che sa gestire un sacco di informazioni e già conosce ogni posizione là fuori. Penso che avrà una eccellente possibilità per aiutare questa squadra”.

CLVz0K5UMAAQV0i

Taylor prende proprio tutto

Per quanto riguarda gli specialisti da usare nei ritorni di punt e kick, detto di Williams, Norwood sta dando buoni segnali, anche perché ha persino avuto qualche giocata con la prima squadra, mentre oggi Bolden e Solomon Patton erano i punt retuner designati negli schemi riservati agli special teams nel finale degli allenamenti. Patton è stato molto pulito nelle ricezioni, mentre Bolden ha perso un pallone.

Passiamo ai field goal sia Connor Barth che Brandon McManus stanno eseguendo bene gli esercizi centrando i pali da oltre le 50 yards (anche se McManus uno l’ha sbagliato).

La linea offensiva è stata una sarabanda di rotazioni. Harris ha avuto vari snap da left tackle. Come Chris Clark, ma con la seconda squadra, lasciando il suo posto da right tackle a Michael Schofield che ha avuto un’ottima giornata, migliorando nei movimenti laterali (fondamentali nella zone blocking). Ty Sambrailo oggi se l’è cavata meglio e ha contenuto molto bene DeMarcus Ware e negli schemi di corsa.

temp150801_camp2_5--nfl_mezz_1280_1024

Questa per il nostro caporedattore…

Owen Daniles sta costruendo la chimica con Manning piuttosto rapidamente diventando uno dei suoi bersagli preferiti. Cody Latimer, a cui Demaryius Thomas dava continui consigli dalla sideline, finalmente sembra essere sulla stessa pagina di Manning, che quindi l’ha premiato come sua abitudine lanciando su di lui un paio di bei palloni. Emmanuel Sanders invece è sempre più padrone dello slot e sarà, secondo me l’arma decisiva nel nuovo impianto offensivo dei Broncos.

Passiamo alla difesa. Malik Jackson anche oggi non ha giocato, ma le sue condizioni non destano preoccupazione. La conseguenza della sua assenza è stato lo spostamento di Derek Wolfe da destra a sinistra del fronte difensivo con il posizionamento a destra di Vance Walker, che probabilmente sarà il giocatore designato a sostituire proprio Derek Wolfe durante le quattro giornate di riposto forzato imposto dalla lega a quest’ultimo.

Marvin Austin Jr che ha avuto una leggera insolazione che l’ha costretto a terminare con una ventina minuti di anticipo rispetto alla sirena di fine allenamenti, è stato schierato ripetutamente come DE, anche perchè il ruolo di NT al momento sembra in cassaforte per Sylvester Williams, che è stato a detta di tutti i commentatori dominante in tutti gli esercizi, ottenendo anche le lodi personali di Kubiak. L’unico centro che ha retto all’urto, limitando i danni, sembra essere stato Matt Paradis.

La nota negativa per ora è Shane Ray che ancora non ha dato dimostrazione di essere un talento da primo giro, subendo spessissimo negli scontri uno contro uno. Miller gli sta dando qualche dritta. Speriamo che sia solo questione di tempo prima di vederlo dominare.

Ancora limitati a esercizi individuali Demaryus Thomas, Brandon Marshall e Danny Trevathan, ma il recupero a pieno regime sembra sempre più vicino. Antonio Smith era assente autorizzato a causa di un funerale.

Ricordo, infine, l’indirizzo twitter dove seguire il sito @Quelchepassa e il sottoscritto @AIvise (ricordo che la seconda è una I maiuscola e non una L minuscola), dai non fateci credere che sono uno dei due tifosi italiani dei Broncos dotato di twitter. Nota di redazione: Detto questo, non vi abituate troppo bene, dopo questi primi due resoconti giornalieri un po’ asettici, ci daremo un po’ di tempo, durante il fine settimana prossimo tireremo le somme di quelle che saranno le gerarchie più definite, di quelli che saranno i “guerrieri da training camp” e di quelli che hanno il free pass per l’infermeria. Sperando di avere qualcosa di più interessante da raccontare dalla città alta un miglio.

 

alvise

Mi piace lo sport, ma soprattutto mi piacciono le storie.

Potrebbero interessarti anche...

6 Risposte

  1. Luke ha detto:

    Bellissimi questi articoli! Riuscite a corredarli di qualche foto in più magari??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *