Quel che passa lo sport

Esultanza alla Bolt, Dominanza alla Bolt 6

Euro 2016 – Ottavi Day 2

Tutti in piedi sul divano in attesa di Francia – Irlanda! Incroci televisivi pericolosi: neanche si parte e l’Irlanda è subito in vantaggio su rigore: la chat esulta! Mentre Petrucci, Dovizioso e Rossi cadono….sarà un caso? Io non credo (cit.) Però si discute ancora della partita di sabato sera tra Croazia e Portogallo: è stata tatticamente perfetta o una cagata pazzesca? Nel dubbio s’insulta la Spagna. La Francia prova a reagire ma l’Irlanda è tosta e davanti c’è molta confusione: “Stan giocando male tutti davanti, forse forse è un problema di chi li mette in campo e li allena in ‘sto periodo”...

Jack-Miller 2

MotoGP in pillole – GP Olanda

La gara interrotta e poi ripresa, certo non ci si può far nulla e stava venendo giù davvero di tutto, però ti lascia quel retrogusto di coito interrotto abbinato all’orgasmo precoce: nammmerda. E diciamocelo, la ripartenza è stata davvero una merda: Dovizioso, Petrucci e Rossi out….e sembrava poter essere il podio, ancora tutto italiano dopo quello della Moto3 di cui parlerò in chiusura. La somma dei tempi poi era anche peggio, quindi va bene così, capita. A chi tocca nun se ingrugna. Poteva vincere Hernandez, poteva vincere Petrucci, poteva vincere Redding, che almeno riesce a far podio, ha vinto Miller....

Euro 2016: Il goal di Shaquiri 8

Euro 2016 – Ottavi Day 1

Almeno a Euro 2016 nessuno vuole uscire dall’Europa, ma oggi iniziano gli ottavi, l’eliminazione diretta, e qualcuno che deve abbandonare c’è per forza. Si parte con il pronostico di Svizzera – Polonia: in molti pensano che sarà lunga, chi dice OT, chi rigori e chi si gioca la Polonia in finale….profetici, fino in fondo? E ora inno albanese svizzero. S’inizia e dopo 28 secondi la difesa svizzera s’addormenta e Milik si mangia un’altro incredibile goal: “Milik è una pippa dai…” abbiamo già capito chi segnerà (ma lui è immune anche ai nostri incantesimi, incredibile) La Polonia cerca di sorprendere gli avversari...

Wimbledon, Thiem 8

Quel che passa il nastro – Wimbledon 2016

Bentornati cari lettori sulle pagine di Quel che passa il Nastro! DOVE ERAVAMO RIMASTI Terminata la stagione sulla terra (perlomeno a livello di Master 1000 e Slam) con la vittoria di Novak Djokovic a Parigi che lo avvicina al Grande Slam 2016. Prima affermazione in terra francese del Serbo che batte in una finale meno combattuta del previsto lo scozzese Andy Murray. Un Murray apparso in difficoltà sin dai primi turni del torneo francese dove è stato portato al quinto set da avversari non certo irresistibili. In finale ha giocato discretamente solo il primo set (in realtà quasi regalato da una...

italiamania-la-maglia-numero-10-a-cassano-paletta-come-paolo-ros-389423 9

Voglia di 10

Sì, questo articolo esce un po’ in ritardo. Ma diciamoci la verità: stiamo spudoratamente salendo sul carro dei vincitori, anzi per essere precisi sul carro dei qualificati: non che fosse difficile, vista la esotica formula di questi europei che concede un 66,6% (periodico) di possibilità alle squadre qualificate di accedere alla fase ad eliminazione diretta, ma è pur vero che la nostra compagine ci ha spesso regalato grosse soddisfazioni in merito; e soprattutto l’alone di scarsezza che la circondava ci aveva fatto probabilmente eccedere nella prudenza (anche se vista la partita con l’EIRE, forse non avevamo proprio proprio ecceduto, ma...

euro2016fasefinale (1) 17

Il migliore dei tabelloni possibili

Inizialmente si presentava così: E la nostra più grande paura era quello che fosse stato un favore alla Francia, potenzialmente con la strada spianata verso la semifinale di Marsiglia. Poi si sono giocate le partite ed è diventato così: E i nostri lamenti si sono dirottati sul fatto che tutte le big si trovino nella parte bassa del tabellone, con la parte alta popolata da squadre che non hanno mai vinto un europeo e sulla carta hanno tutte una chance quasi unica di giocarsi una finale e sognare la vittoria. Bello no? In questi ultimi giorni sui media si è fatto...

CR7 8

Diario Europeo: Day 13 – CR7

Ieri abbiamo messo un articolo su Schwazer ed esce la notizia di una sua positività? Siamo degli influencer! Ma passiamo all’Europeo: Islanda e Ungheria in vantaggio! Quindi CR7 rischia di diventare il primo a segnare in 4 edizioni… Non consecutive? Tranquilli, CR7 risponde alla grande con un goal di quelli che fanno la storia. Solo che tra pali, rigori, goal annullati e autogoal sembra che al Portogallo non gliene giri bene una… Rigore sbagliato per l’Austria da Dragovic: “Ma Alaba? Cos’è la sagra di chi non fa battere i rigori ai più forti?” Tra Ungheria e Portogallo è comunque un...

szalai.esultanza.austria.ungheria.euro.2016.750x450 0

Euro 2016 – Situazione Girone E e F

Mancano solo due gironi al termine della prima fase. Ieri la Spagna ha complicato il nostro cammino (e il suo) finendo nella parte del tabellone che a leggere i nomi sembra essere uno scherzo del destino. Questo il tabellone al momento, in attesa di definire anche le terze (Slovacchia e Irlanda del Nord sono certe di giocare gli ottavi ma non sono ancora sicure quale delle prime toccherà loro): Questa la classifica delle terze al momento: Slovacchia (B3): 4 pt, 0 diff.reti, 3 gol fatti, 3 pt Fair Play, 19 Ranking UEFA <— QUALIFICATA Irlanda del Nord (C3): 3 pt,...

Super Mario Gomez 6

Diario Europeo – Day 12: Sergio Ramos pezzo di m***a

Scusate l’assenza negli ultimi giorni ma siamo stati a festeggiare il compleanno di Borriello. È ritornato Super Maaario? Basler? No Gomez. Si guarda al futuro intanto: domani per l’Italia dovrebbe giocare TM10, c’è chi pensa al boicotaggio! C’è invece chi pensa già a tutti i modi per insultarlo. Motta come la Lavazza: “con TM in campo l’insulto ci guadagna” Come altre volte in questo Europeo intanto lo “spettacolo” è fuori dagli stadi: “Ucraina – Polonia si gioca meglio fuori dallo stadio” Continua la disperazione per la presenza di Thiago Motta, anche se poi…”e da quando gioca? è spettatore non pagante.”...

Schwazer Alex ed il trionfo di Pechino 2008 16

Pechino 2008: Alex Schwazer e la sua marcia dalla stelle alle stalle

Non lo nasconderò: le Olimpiadi di Pechino non le ho amate troppo! Diversi motivi: si andava in una nazione che non ha nel rispetto dei diritti umani e della libertà i suoi cardini, poco tempo per seguirle (si doveva pur iniziare a lavorare seriamente prima o poi no?), atmosfera non molto entusiasmante (poco tifo) e soprattutto orario veramente brutto per le gare più importanti, con inoltre l’orribile decisione di mettere le finali del nuoto al mattino cinese invece che nel pomeriggio/sera come si era sempre fatto (e quindi prima mattina per noi) per andare incontro alle esigenze del mercato statunitense...